Giovedì 19 Ottobre 2017 - 09:45

Catalogna, cos'è e cosa prevede l'articolo 155 della Costituzione

Tutto quello che c'è da sapere sull''arma' del governo di Madrid

L'articolo 155 della Costituzione spagnola è sul tavolo del governo di Madrid come meccanismo di risposta alla dichiarazione di indipendenza della Catalogna, annunciata e sospesa dal governatore catalano Carles Puigdemont con l'intento di aprire un dialogo. L'articolo è semplice nella sua forma ma di delicata applicazione. Nessun governo, in 40 anni, ne aveva mai considerata l'adozione: per questo non è mai stato trasformato in legge. Si tratta quindi, come segnala il quotidiano catalano La Vanguardia, di una misura di carattere eccezionale che implica il controllo politico delle comunità autonome da parte dello Stato centrale.

Il testo prevede infatti che il governo possa adottare "le misure necessarie" per "obbligare" con la forza una comunità autonoma al rispetto "degli impegni" che la Costituzione, o altre leggi, impongono e, nel caso in cui fosse necessario, e per "proteggere" gli interessi generali della nazione. Le circostanze in cui farlo sono, ovviamente, che una comunità abbia violato la Costituzione o abbia intentato gravemente contro gli interessi generali.

IL PROCEDIMENTO - La procedura stabilita dallo stesso articolo 155 prevede che innanzitutto il governo debba inviare una richiesta al presidente della comunità in questione. In questo caso, lo stesso premier Mariano Rajoy deve avvertire direttamente il presidente catalano Carles Puigdemont. In secondo luogo, il governo deve presentare la sua proposta di misure di controllo dell'autonomia al Senato, che le può approvare con maggioranza assoluta. A sua volta, la procedura di applicazione del 155 al Senato è regolata dall'articolo 189: il governo deve presentare una proposta chiara per ciascuna delle misure specifiche che intende adottare e la relativa possibilità di emendamenti. Anche se è stato oggetto di dibattito, gli esperti possono capire se, nel caso di procedure di emergenza, le misure possano essere approvate in modo diretto (in 2 o 3 giorni). La Vanguardia ricorda che il partito popolare di Rajoy possiede la maggioranza assoluta nel Senato spagnolo.

MARGINI DI MANOVRA - L'articolo 155 concede molto margine al governo centrale, a condizione che abbia l'approvazione del Senato. Il governo può infatti controllare le finanze della Generalitat, può dare ordini e assumere il controllo dei dipartimenti, può licenziare all'interno della pubblica amministrazione e può sciogliere il Parlamento. Quello che però non può fare è implementare misure che presuppongano cambiamenti dello Statuto o della propria Costituzione. Ecco perché esperti ritengono che il 155 non prevede una sospensione né, ancora meno, una soppressione, dell'autonomia. Tuttavia, è ovvio che questa sarebbe molto limitata dal controllo totale o parziale dell'amministrazione statale. L'applicazione dell'articolo non ha limiti temporali: quello che indica la Costituzione è che si debba applicare fino a che non verrà ripristinata "la normalità costituzionale".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Si ribalta pullman Flixbus in viaggio verso Berlino: 16 feriti

Il mezzo è finito in un fossato, si indaga sulla dinamica. Sei persone in gravi condizioni

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"

AFGHANISTAN-UNREST-BLAST

Afghanistan, kamikaze contro scuola in zona sciita: almeno 37 morti

Sono per la maggior parte studenti. Nessun gruppo ha rivendicato la violenza