Giovedì 29 Dicembre 2016 - 17:30

Cassazione: Sì al licenziamento per aumentare il profitto

Legittimo sopprimere una funzione per far crescere la redditività

Cassazione: Sì al licenziamento per aumentare il profitto

Licenziamento per profitto. Questa la nuova e rivoluzionaria fattispecie di licenziamento riconosciuta, per la prima volta nel nostro ordinamento, da una recente sentenza della Corte di Cassazione (sentenza n. 25201 del 7 dicembre 2016), di cui dà notizia il quotidiano 'Italia Oggi'. Si tratta di un ampliamento di campo del licenziamento per giustificato motivo oggettivo che potrà ricorrere, adesso, non solo nei casi "straordinari" come le situazioni economiche sfavorevoli, ma anche in quelli "ordinari" in cui l'azienda decide di sopprimere una funzione per aumentare la redditività e quindi, in ultima istanza, il profitto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Cdp, c'è l'accordo sulle nomine. Fumata bianca dopo il vertice a Palazzo Chigi

Sbloccato l'impasse. Di Maio prima dell'incontro: "Vogliamo il migliore, no a compromessi al ribasso"

Camera dei Deputati - Interpellanze urgenti

Ilva, Di Maio: "Procedura di gara un pasticcio. Avvierò un'indagine e chi ha sbagliato ne risponderà"

Calenda replica: "Responsabilità è mia, non ho bisogno di inventare 'manine'. Annulla la gara se la ritieni viziata"

Salvini querela Saviano. Lo scrittore: "Punito dissenso, bisogna reagire"

“Provi piacere a vedere bimbi morti in mare” la frase che ha scatenato l'ira del ministro

Governo, sulle nomine è stallo. E il vertice da Conte salta

Si arena la trattativa su Cassa depositi e prestiti: doppio veto M5S-Lega su Dario Scannapieco