Martedì 16 Maggio 2017 - 14:15

Berlusconi, Cassazione boccia ricorso: Versi 2 mln mese a Lario

Confermata la sentenza della corte d'appello di Milano del 2014

Cassazione respinge ricorso di Berlusconi: Versi 2 milioni al mese a Veronica

Silvio Berlusconi dovrà garantire, ogni mese, l'assegno di separazione di due milione di euro alla sua ex moglie Veronica Lario. Lo ha stabilito la prima sezione civile della corte di Cassazione rigettando il ricorso dell'ex presidente del Consiglio. E' stata quindi confermata la sentenza della corte d'appello di Milano del 2014.

Secondo i giudici "l'assistenza materiale trova di regola attuazione nel riconoscimento di un assegno di mantenimento in favore del coniuge che versa in una posizione economica deteriore e non e' in grado, con i propri redditi, di mantenere un tenore di vita analogo a quello offerto dalle potenzialita' economiche dei coniugi".

Veronica Lario è "incapace di produrre reddito sulla base dell'attività di attrice", ha sottolineato la Cassazione. "La Bartolini (Veronica Lario ndr)non può, con i propri mezzi, conseguire il tenore di vita analogo a quello goduto durante la convivenza matrimoniale". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Navi Open Arms sbarcate a Palma: a bordo i due corpi e Josefa. Ong denuncia Libia e Italia per omicidio colposo

I cadaveri della donna e del bimbo, recuperati a largo delle coste della Libia, erano stati ripresi in un video choc pubblicato dall'ong su Twitter. La superstite tratta in salvo sarà affidata alle cure mediche. Nuovo sbarco a Lampedusa

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio