Giovedì 28 Gennaio 2016 - 10:00

Cassazione, Canzio: Il reato di clandestinità è inutile

"Il paese - aggiunge il presidente - ha sete di giustizia, efficienza, legalità ed efficacia della giurisdizione"

Il primo presidente della Cassazione Giovanni Canzio

 "Il paese ha sete di giustizia, efficienza, legalità ed efficacia della giurisdizione. Chiede che la legge venga applicata in modo uniforme e rapido e che tutti abbiano un uguale trattamento in casi simili o analoghi". Così il primo presidente della Cassazione, Giovanni Canzio, nella sua relazione che dà avvio all'anno giudiziario in Cassazione. "L'indipendenza e l'autonomia non appaiono come una prerogativa o privilegio dei magistrati, bensì come la garanzia dei cittadini in uno Stato di diritto per l'applicazione equa e imparziale del diritto e per l'uguaglianza di essi dinanzi alla legge" ha aggiunto Canzio.

CLANDESTINITA'. Il reato di immigrazione clandestina, per quanto riguarda "la risposta sul terreno del procedimento penale, si è rivelatata inutile, inefficace e per alcuni profili dannosa, mentre la sostituzione del reato con un illecito e con sanzioni di tipo ammministrativo, sino al più rigorso provvedimento di espulsione, darebbe risultati concreti", ha precisato il Canzio.

Sarebbe auspicabile, per il primo presidente della Cassazione che "il legislatore evitasse di intervenire sul tessuto normativo con modifiche troppo frequenti, spesso ispirate a logiche emergenziali poco attente ai profili sistematici dell'ordinamento".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

"Io, vittima di stalking da tre mesi. Prima dei lividi i carabinieri ridevano"

Dal primo incontro sotto casa ai lividi: la storia di Marta e dell'inferno che le fa vivere il suo aggressore

Funerali delle quattro giovani vittime del crollo del ponte Morandi di Genova

Crollo Genova, funerali privati per i ragazzi di Torre del Greco. Padre di Giovanni: "Mio figlio è stato ucciso"

Cerimonia nella Basilica di Santa Croce, omelia del cardinale Sepe: "Questa è violenza contro le persone"

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, lunedì consegnati 45 alloggi a sfollati. Toti: "Nessuno senza casa"

Sono quasi 600 i residenti evacuati. Sessanta sono potuti rientrare nelle proprie abitazioni. La Diocesi: accoglieremo 200 persone

Mastella vieta il transito sul ponte Morandi di Benevento

In via precauzionale il sindaco chiude ai mezzi pesanti il cavalcavia di San Nicola