Martedì 07 Novembre 2017 - 09:00

Caso Weinstein, usò ex spie Mossad per fermare le denunce. Espulso dalla Television Academy

Lo riferiscono New York Times e New Yorker. La decisione dell'organizzazione che assegna gli Emmy Awards: "Comportamenti orribili"

Il produttore di Hollywood Harvey Weinstein utilizzò avvocati, detective privati ed ex spie israeliane del Mossad per provare a fermare le informazioni relative alle denunce di abusi sessuali a suo carico. È quanto riferiscono New York Times e New Yorker, secondo cui Weinstein avrebbe usato una ditta di investigatori privati in cui lavoravano ex agenti del Mossad e si sarebbe avvalso di un noto avvocato legato al Partito democratico per mettere in piedi un'operazione mirata a conoscere in anticipo le informazioni pubblicate il mese scorso dal New York Times sugli abusi.

Weinstein nega di avere avuto rapporti sessuali non consensuali. La sua portavoce, Sallie Hofmeister, ha definito oggi "fiction" la possibilità che qualcuno abbia provato a bloccare la pubblicazione di informazioni contro il suo cliente. La rivista New Yorker, in una nota intitolata 'L'esercito delle spie di Harvey Weinstein', ripresa in parte dal Times che vi aggiunge anche informazioni proprie, spiega che le operazioni di Weinstein per fermare le denunce sono cominciate oltre un anno fa. La rivista cita un contratto firmato dall'avvocato di Weinstein, David Boeis, e dalla ditta di investigatori privati Black Cube per "fermare completamente nuovi articoli negativi" che preparava il New York Times. Lo studio di investigatori Black Cube è arrivato a usare almeno un'impresa fantasma con sede a Londra per ottenere informazioni. E allo stesso fine Weinstein usò, secondo il New Yorker, la società Kroll.

Emerge poi una coincidenza: l'avvocato David Boeis, che fece da ponte con Black Cube, ha difeso il New York Times in tre occasioni negli ultimi dieci anni. Boeis, ricordano il Times e il New Yorker, ha rappresentato il candidato democratico Al Gore nelle elezioni presidenziali del 2000, quando scoppiò un complesso procedimento legale al termine del quale fu dichiarato vincitore il repubblicano George W. Bush. All'operazione si lavorava già dall'anno scorso, con contatti con una ex spia israeliana che si è fatta passare prima come Diana Filip, difensore dei diritti delle donne, e poi ha utilizzato il nome di Anna.

Nel primo caso, la donna che si faceva passare per Diana Filip incontrò l'attrice Rose McGowan, una di quelle che ha denunciato abusi sessuali da parte di Weinstein, per ottenere la sua amicizia e informazioni sui reportage che erano in corso di preparazione. Poi la stessa donna, con il nome di Anna, aveva contattato l'anno scorso il giornalista Ben Wallace del New Yorker, sempre sullo stesso tema, ma in questo caso il reporter non arrivò a pubblicare alcuna informazione. Furono contattati, inoltre, i giornalisti del New Yorker e del New York Times che a ottobre hanno pubblicato le denunce relative ad abusi sessuali contro Weinstein: fu dopo questa pubblicazione che partì l'ondata di accuse contro il produttore di Hollywood in diversi Paesi.

Intanto, la Television Academy ha espulso Harvey Weinstein dall'organizzazione "a vita", in risposta alle decine di accuse di abusi e molestie sessuali ricevute nelle ultime settimane dal produttore. In un comunicato stampa l'istituzione ha duramente condannato gli "orribili comportamenti" di Weinstein e ha dato il suo sostegno a tutti coloro che stanno "alzando la voce contro ogni tipo di molestia".

La Television Academy, che ogni anno assegna gli Emmy Awards, ha inoltre dichiarato di essere "determinata" a proteggere tutti i professionisti del piccolo schermo da questo tipo di comportamenti. La decisione dell'organizzazione si unisce a quella della Hollywood Academy, che assegna gli Oscar, che ha espulso il produttore a metà ottobre. Anche il sindacato dei produttori hollywoodiani, la Pga, ha avviato le pratiche per escludere Weinstein dall'organizzazione, ma il produttore ha deciso di non aspettare la decisione finale e di dimettersi volontariamente.

 

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Photocall del film "The post"

The Post, Spielberg racconta il giornalismo: “Con Trump la libertà di stampa è in pericolo”

Il regista Steven Spielberg e i protagonisti Tom Hanks e Meryl Streep a Milano per presentare in anteprima il loro prossimo film, inelle sale italiane dale 1 febbraio

Catherine Deneuve chiede scusa: "Abbraccio le vittime delle molestie"

L'attrice francese non si pente della firma sotto l'appello alla "libertà di molestare". Ma chiede scusa a chi si è sentita offesa

The Weinstein Company Presents A Special Screening of "DJango Unchained"

Cinema, è ufficiale: DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Attore e regista di nuovo insieme dopo Django Unchained. La pellicola sarà incentrata sul pluriomicida mandante della strage in cui fu uccisa Sharon Tate, incinta di 8 mesi moglie del regista Polanski

Roma, Premio Giuliano Gemma

Hollywood, una stella per Gina Lollobrigida: è la 14ma italiana sulla Walk of Fame

Il primo febbraio l'icona del cinema riceverà il riconoscimento a Los Angeles