Venerdì 09 Settembre 2016 - 18:45

Scazzi, avvocato Sabrina: Stiamo trasformando i Misseri nei Borgia

L'intervista al legale andrà in onda stasera a 'Quarto Grado'

Caso Scazzi, avvocato Sabrina: Stiamo trasformando i Misseri nei Borgia

"Stiamo trasformando la famiglia Misseri nella famiglia Borgia la quale aveva segreti inconfessabili che, rivelati, avrebbero distrutto la credibilità di una stirpe, di una dinastia, di un papato. Ma che segreti potevano esserci in questa famiglia?". A dirlo è Fausto Coppi, legale di Sabrina Misseri, accusata del sequestro e dell'omicidio volontario di Sarah Scazzi, in una intervista a 'Quarto Grado' che andrà in onda questa sera alle 21.15 su Rete4.

"L'unico segreto - dice l'avvocato - che non era un segreto perché lo sapevano tutti, era di un rapporto che era occorso tra Sabrina e Ivano Russo. Quindi non si riesce proprio a vedere che cosa avrebbe dovuto nascondere Cosima decidendo all'improvviso di cooperare materialmente nell'esecuzione di un delitto così orrendo, in danno di una ragazzina che era di casa e che era quasi la terza sorella delle sorelle Misseri". Sabrina, spiega Coppi "passa da momenti di comprensibile disperazione ad altri in cui è ancora presa dalla voglia di lottare e dalla speranza che la sua innocenza venga accertata attraverso i futuri gradi di giudizio".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Lettura sentenza processo Coazzotti Guarnieri Caputo per stupro di gruppo

Milano, droga dello stupro. Tre condannati fino a 12 anni: "Siamo innocenti"

La Corte presieduta da Elisabetta Canevini ha anche condannato i tre a pagare una provvisionale di 75mila euro alla vittima

Esterno dell'Hotel Hilton di Via Galvani con la Polizia

Reggio Emilia, spinta dietro un cespuglio e violentata: è caccia all'uomo

L'uomo è poi riuscito a fuggire e sono in corso le ricerche

Temporali su quasi tuttta Italia, poi torna il sole: il meteo del 23 e 24 luglio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare

Mafia, due milioni di risarcimento alla famiglia del 13enne ucciso per vendetta

Giuseppe Di Matteo sequestrato e sciolto nell'acido perché il padre era un pentito