Giovedì 12 Maggio 2016 - 17:00

Caso Rosboch, mamma Gloria: Grazie a 3 bestie per festa passata

A 'Pomeriggio 5' la lettera che la signora Marisa ha scritto agli accusati dell'omicidio

Caso Rosboch, mamma Gloria: Grazie 3 bestie per festa che ho passato

"Oggi, Festa della mamma, ho pensato di scrivere alle tre bestie. Grazie per la bella festa che mi hanno fatto passare". Questo uno stralcio della lettera che Marisa, mamma della professoressa di Castellamonte (Torino), Gloria Rosboch, ha scritto ai tre accusati dell'omicidio della figlia: l'ex studente 22enne Gabriele Defilippi, il suo amante Roberto Obert e la madre Caterina Abbattista. La lettera è stata letta a 'Pomeriggio 5' di Barbara D'Urso su Canale 5. Da quanto è emerso, Gabriele Defilippi sarebbe stato a Cap-d'Ail, comune della Costa Azzurra, per una settimana l'estate scorsa. Gli inquirenti hanno quindi chiesto una rogatoria internazionale per verificare se parte dei 187mila euro truffati alla professoressa possano essere lì.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima nevicata a Milano

Neve e ghiaccio su strade e ferrovie. Blocchi in Piemonte e Liguria. Rischi alluvione in Toscana

Situazione complicata per i trasporti nel Nord Ovest. Chiuse autostrade e linee ferroviarie. La spiegazione della parola "gelicidio"

The logo of Thyssen Krupp AG is pictured at the gate one of the ThyssenKrupp steel plant in Duisburg

Thyssen, sette vittime, dieci anni, cinque processi e sei condanne

I numeri di una vicenda atroce. In primo grado l'omicidio con dolo eventuale. Poi diventato colposo con riduzione delle pene: quattro dirigenti italiani in carcere, ma i due tedeschi...

Dopo Vercelli, chieste le telecamere negli asili. Cosa ne pensate?

Alcune famiglie dei bimbi che hanno subito le violenze delle maestre, vogliono che la scuola sia in grado di controllare quello che accade nelle classi. Un sondaggio di LaPresse

Violentata ripetutamente da amico di famiglia: incinta a 11 anni

Arrestato a Barriera di Milano, in provincia di Torino, un uomo di 35 anni che la bambina chiamava zio