Mercoledì 13 Aprile 2016 - 15:15

Regeni, Al Sisi scagiona forze di sicurezza e accusa media

Media accusati di aver sfruttato l'omicidio del ricercatore italiano per puntare il dito contro gli organi di sicurezza

Il presidente egiziano al-Sisi

Si è scagliato contro i media il presidente egiziano Abdel Fatah al Sisi accusandoli di aver sfruttato l'omicidio del ricercatore italiano Giulio Regeni per puntare il dito contro gli organi di sicurezza. Durante un discorso televisivo trasmesso alla nazione, a seguito di un incntro con esponenti politici e ong in Parlamento, al Sisi ha dichiarato che vi è "gente malvagia" in Egitto che "spaccia bugie e menzogne" sull'omicidio e che imbarazza il Paese. "Non appena si è saputa la notizia dell'omicidio di Regeni alcuni hanno incolpato le forze di sicurezza, senza alcuna prova", ha aggiunto il presidente. "Stiamo trattando questo caso con trasparenza, non solo per quanto riguarda il ministero degli Interni ma anche la Procura", ha poi precisato il presidente. Purtroppo, ha ribadito al Sisi - Noi egiziani abbiano creato un problema con l'omicidio del giovane italiano (Giulio Regeni)", facendo riferimento ai media.
 

Il Cairo ha sempre cercato di difendere la tesi secondo cui la morte del ricercatore italiano sarebbe la conseguenza di un furto da parte di una banda locale, teoria che non ha convinto né l'Italia, che la scorsa settimana ha richiamato il suo ambasciatore al Cairo, Maurizio Massari, né molti egiziani. Nel suo discorso, al Sisi ha fatto più volte riferimento alle accuse di violazione dei diritti umani che molte ong nazionali ed internazionali hanno rivolto al suo governo. "Lavoriamo perchè vi sia equilibrio tra le forze di sicurezza e i diritti umani, ma tra noi c'è gente malvagia. Chiunque vive in pace e tranquillità vivrà tranquillo, chi vive con le armi no", ha avvertito. Il presidente ha minimizzato le accuse di violare la libertà di espressione sottolineando che il governo deve garantire la sicurezza e la stabilità dell'Egitto. Tuttavia, si è detto disposto a "rivedere le liste dei detenuti e a liberare gli innocenti", facendo riferimento alle migliaia di persone arrestate per aver partecipato a manifestazioni non autorizzate.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

New York, esplosione a fermata degli autobus di Manhattan

Esplosione a Nyc, un arrestato con giubbotto esplosivo. "Era collegato all'Isis"

Tra la 42esima strada e la 8th Avenue. L'attentatore rimasto ferito da un tubo-bomba. Si chiama Akayed Ullah, ha 27 anni, originario del Bangladesh

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad

Saudi Arabia's King Salman bin Abdulaziz Al Saud presides over a cabinet meeting in Riyadh

Nuova svolta in Arabia Saudita: riaprono i cinema dopo 35 anni

Dopo le donne alla guida, il re Salman decide di riaprire le sale cinematografiche vietate dagli anni '80

Ue-Israele, Mogherini riceve Netanyahu

Gerusalemme, Netanyahu: "È capitale Israele, anche Paesi Ue lo riconosceranno"

Il premier israeliano parla di fronte all'Unione Europea insieme all'alto rappresentante per gli Affari esteri Federica Mogherini