Domenica 19 Giugno 2016 - 11:45

Caso Raggi, Orfini: Negli atti della Asl firma la madre di una 5stelle

Il tweet del presidente del Partito democratico

Matteo Orfini

 Il presidente del Partito democratico, Matteo Orfini, twitta oggi un post: "Incarichi Raggi, negli atti Asl la firma della madre di una 5Stelle", seguito da un articolo pubblicato oggi dal quotidiano 'La Repubblica'. L'articolo, a firma di Giovanna Vitale, spiega che "quando Virginia Raggi è riuscita a ottenere, nel luglio 2014, un secondo mandato per recuperare circa 400mila euro di crediti vantati dall'Asl di Civitavecchia nei confronti del dottor Giuseppe Crocchianti, l'avvocata pentastellata - all'epoca consigliera a Roma - aveva un 'aggancio'".
 

Questo aggancio, prosegue l'articolo di 'Repubblica', era "una funzionaria di lungo corso che le avrebbe consentito di procurarsi il lavoro, bypassando l'albo dei professionisti ai quali la Asl deve invece attingere per scegliere i nomi dei legali a cui rivolgersi". La funzionaria è Gigliola Tassarotti, "la mamma di Marta Grande, classe 1987, la più giovane deputata in carica, indicata - all'indomani dell'elezione nella Circoscrizione Lazio 1 per il M5s - come possibile presidente della Camera".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Quirinale - Dichiarazioni del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Impeachment all'italiana: cos'è la messa in stato d'accusa del presidente

Cosa indica l'articolo 90 della Costituzione italiana

Quirinale - Giuseppe Conte rimette il mandato

Se si va al voto il rischio è un referendum camuffato sull'euro

Si è aperta una crisi istituzionale profonda e lacerante

Ritratti posati di Carlo Cottarelli

Chi è Cottarelli, l'ex commissario alla spending review chiamato da Mattarella

Convocato al Quirinale dopo che il premier incaricato Conte ha rimesso il mandato

Quirinale - Giuseppe Conte rimette il mandato

Da prof a premier incaricato e ritorno: i quattro giorni di Conte

La parabola dell'uomo scelto da M5s e Lega: l'esperienza al governo è durata pochissimo