Martedì 12 Gennaio 2016 - 12:00

Caso Quarto, Renzi: Il M5S non ha il monopolio morale

Il presidente del Consiglio tuttavia sottolinea come sia ingiusto addossare una croce a un sindaco giovane che aveva chiesto aiuto

Il presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi

"Un giovane sindaco aveva chiesto un aiuto". Bisogna capire "se qualcuno era a conoscenza e ha preferito tacere, mi sembra ingiusto buttare la croce addosso a lei". Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi intervistato da Repubblica Tv, a proposito del caso Quarto, dove il sindaco Rosa Capuozzo "è stata raggiunta da un provvedimento di espulsione dal MoVimento 5 Stelle per grave violazione dei suoi principi. Renzi ha poi proseguito sottolineando come "l'idea che il M5S abbia il monopolio della morale, per noi non e' mai esistita. Ma adesso chiaramente e' venuta meno anche per gli elettori e i militanti dei Cinque stelle". "Io sono per il garantismo più totale, in un Paese civile è un valore costituzionale e costitutivo della sinistra. Ho grande rispetto" per la vicenda Quarto. "Bisogna evitare strumentalizzazioni. Certo il sindaco avrebbe dovuto denunciare ma non è giusto che debba dimettersi ha concluso il presidente del Consiglio.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Renzi apre la campagna per il Sì: Cambio l’Italicum, le riforme sono più importanti

Renzi apre la campagna per il Sì: Cambio l’Italicum, le riforme sono più importanti

Dalla sua Firenze il presidente del Consiglio apre a modifiche sulla legge elettorale e si appella al Paese: "Italia vuoi cambiare davvero?"

Salerno, De Luca assolto con altri 41 imputati: Non sono impresentabile

De Luca assolto con altri 41 imputati: Non sono impresentabile

Il governatore campano ed ex sindaco di Salerno, a processo per la vicenda Sea Park, dopo la sentenza attacca Rosy Bindi

Referendum, Renzi: Voti di destra decisivi, inutile girarci intorno

Referendum, Renzi: Voti di destra decisivi, inutile girarci intorno

"La sinistra, ormai, è in larghissima parte con noi"