Martedì 12 Aprile 2016 - 18:00

Caso Pordenone, madre Trifone: Lui e Teresa sono martiri

Ai microfoni di 'Pomeriggio 5' Eleonora, madre di Ragone, ucciso a Pordenone a marzo 2015 con la fidanzata

Caso Pordenone, madre Trifone: Lui e Teresa sono martiri

"Loro sono due martiri, devono essere fatti santi. Hanno solo seminato il bene e sono morti in un modo orribile e continuano a infangarli. Loro hanno pagato con la vita per qualcosa che non hanno fatto, non hanno fatto nessun peccato". Lo ha detto ai microfoni di 'Pomeriggio 5' Eleonora, madre di Trifone Ragone, ucciso a Pordenone il 17 marzo 2015 con la fidanzata Teresa Costanza.

Durante la puntata odierna sono stati anche letti alcuni messaggi inviati da Rosaria a Giosuè Rutolo, accusato del duplice omicidio. Gli sms appaiono però deliranti e in ognuno si diceva che la giovane era in coma o era già morta, fatto assolutamente falso. Secondo quanto riporta il programma di Canale 5 gli inquirenti pensano che Rosaria mandasse questi messaggi per far capire che aveva problemi psichici, giustificando così i tantissimi e ambigui messaggi inviati su Facebook a Trifone.
"Lo stalking è un reato gravissimo e i due sono degli abili manipolatori: avevano inventato questa storia dei messaggi per sviare le denunce da parte di Trifone", ha detto Eleonora.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Savoia, anche la salma di Vittorio Emanuele III torna in Italia

La salma è già partita da Alessandra d'Egitto

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere