Martedì 25 Ottobre 2016 - 17:00

Caso Orlandi, Alì Agca: Emanuela rapita per ottenere mia liberazione

"Se non è morta per cause naturali è ancora in un convento di clausura, comunque in mano al Vaticano"

Ali Agca

In un'intervista rilasciata al telefono da Istanbul al settimanale Oggi, l'attentatore di Papa Wojtyla Alì Agca sostiene che Emanuela Orlandi "è stata rapita soltanto per ottenere la mia liberazione. Parlare di Banda della Magliana o di festini sessuali in Vaticano è una menzogna assoluta"; sostiene che "sta bene e non ha mai subito alcun tipo di violenza e se non è morta per cause naturali è ancora in un convento di clausura, comunque in mano al Vaticano".

Dice ancora Alì Agca: "Paolo Farsetti e Gabriella Trevisin furono mandati in Bulgaria per essere arrestati come spie e poi scambiati con Sergei Antonov (il bulgaro, capo scalo della linea Balkan Air in Italia, arrestato e poi scagionato come complice nell'attentato al Papa, ndr). Mentre io, Ali Agca, sarei stato scambiato con Emanuela Orlandi. Ma il piano non andò come previsto". Farsetti e Trevisin sono i due italiani arrestati dalle autorità bulgare nel 1982 con l'accusa di aver fotografato obiettivi militari. "Facevano parte di un accordo segreto tra Italia e Bulgaria per liberare Antonov. Per questo furono scarcerati e rimandati in Italia".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cadaveri di tre alpinisti segnalati sul Monte Bianco

Cadaveri di tre alpinisti segnalati sul Monte Bianco

Non  si esclude che possa trattarsi di un incidente avvenuto in tempi  non recenti

Continuano le indagini sullo scandalo alimentare delle uova contaminate con l'insetticida Fipronil

Uova contaminate, migliaia sequestrate ad Ancona e Viterbo

Si aggiungono a quelli già comunicati dal Ministero della Salute

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

L'intera famiglia è stata salvata dalle macerie. "Un vero e proprio miracolo", commenta la direttrice sanitaria dell'Asl Napoli 2