Venerdì 30 Giugno 2017 - 15:15

Caso Fortuna, il pm: Ergastolo per Caputo e 10 anni per l'ex compagna

"Nel processo non emerge chi l'ha violentata", dice il legale del padre della piccola

Caso Fortuna, pm: Ergastolo per Caputo e 10 anni per l'ex compagna

Ergastolo e sei mesi di isolamento: è quanto chiesto dai pm per Raimondo Caputo, accusato dell'omicidio della piccola Fortuna Loffredo, la bambina di sei anni lanciata dall'ottavo piano del suo palazzo nel Parco Verde di Caivano (Napoli) il 24 giugno 2014. Chiesti invece 10 anni di reclusione per Marianna Fabozzi, ex compagna di Caputo, residente nello stesso palazzo, accusata di concorso in abusi sessuali.

"Non possiamo accontentarci di un colpevole e una mezza colpevole, un mostro che con l'altro diavolo che permetteva le violenze sessuali meritano la massima e più severa pena prevista con tutte le aggravanti del caso". Così Angelo Pisani, legale del padre e dei nonni della piccola Fortuna, commenta la richiesta di oggi dei pm. "La giustizia - aggiunge Pisani - deve punire senza indulgenza tutti i colpevoli di tali atroci crimini e svelare il complotto che avvolge questa tragedia anche per salvare altri bambini innocenti ma sfortunati nel vivere in tali ambienti".

"Nel processo non è emerso chi ha violentato Fortuna. Sembra quasi - aggiunge Pisani - una risposta solo per l'opinione pubblica".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, crollato un pezzo della scenografia della Turandot al Regio

Torino, cade pezzo di scenografia al Teatro Regio: feriti due coristi

L'incidente durante il secondo atto della Turandot

Fontane prese d'assalto dai turisti

Cambia il clima: gli ultimi tre anni tra i più caldi di sempre

Uno studio OMM. Anche il 2017 si colloca ai livelli degli altri due confermando una tendenza. Forte il riscaldamento Artico

Milano, presidio memoria lavoratori della Lamina

Milano, incidente sul lavoro in un'azienda: morto il quarto operaio

Era sopravvissuto ma è rimasto in condizioni critiche per giorni. Nella disgrazia hanno perso la vita altri tre colleghi: uno era il fratello