Mercoledì 23 Novembre 2016 - 12:30

Caso firme false, guai anche a Bologna per M5S: 4 indagati

Dopo lo scandalo di Palermo, spuntano nuove irregolarità

Caso firme false, guai anche a Bologna per il Movimento 5 Stelle: 4 indagati

Presunte irregolarità per la raccolta firme del Movimento 5Stelle anche a Bologna. Dopo lo scandalo di Palermo sono 4, secondo quanto si apprende, gli indagati nell'ambito dell'inchiesta relativa alle elezioni Regionali del 2014 in Emilia-Romagna. Nel mirino, viene riferito, un esponente locale del Movimento 5 Stelle, un attivista e due addetti alla raccolta delle firme, accusati di aver presumibilmente violato le norme della legge elettorale. L'indagine era partita a seguito dell'esposto ai carabinieri di Vergato presentato da due ex attivisti del M5S di Monzuno, Stefano Adani e Paolo Pasquino.

Secondo quanto si apprende da fonti pentastellate, i vertici del Movimento 'inviteranno' i 4 indagati all'autosospensione dal movimento. L'auspicio, viene riferito, è che le persone chiamate in causa procedano per questa strada senza l'intervento di Beppe Grillo.

Intanto il Pd insorge, puntando il dito contro "la Grillopoli dilagante". "Da Palermo a Bologna le firme false sembrano proprio essere un a pericolosa abitudine M5s. Uno scandalo che calpesta ogni rispetto della legalità e delle regole democratiche. E Di Maio, invece di parlare della Grillopoli che si sta estendendo a macchia d'olio, s'inventa ipotetici brogli al referendum. Farebbe molto meglio a guardare in faccia alla realtà", dichiara la senatrice Monica Cirinnà.

"Dopo Palermo anche Bologna. Siamo al "metodo firme false". Di Maio, Grillo, Di Battista: dite la verità #Grillopoli", scrive Andrea Romano su Twitter.

 

 

"Invece di insultare con una escalation quotidiana di volgarità - afferma la deputata Ileana Piazzoni - Beppe Grillo farebbe bene a dare spiegazioni ai militanti M5s e al Paese intero sul dilagare del fenomeno firme false in occasione delle competizioni elettorali. Le notizie inquietanti che giungono oggi da Bologna, dopo l'esplosione del caso Palermo e le confessioni che tirano in ballo anche il comico/leader, rendono la Grillopoli pentastellata un vero e proprio buco nero fatto di ricatti, omissioni, irregolarità, inadempienze, ma soprattutto reati. Altro che copiatura di qualche firma, fatto comunque grave, qui ci troviamo davanti a migliaia di firme false che coinvolgono anche cittadini completamente all'oscuro dell'utilizzo del loro nominativo per presentare le liste. Basta dunque con la retorica dell'onestà e della trasparenza. Chi sa, e ci rivolgiamo anche ai vari Di Maio e Di Battista, parli e inviti a collaborare con gli inquirenti"

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fratoianni è il nuovo segretario di Sinistra italiana

Nicola Fratoianni è il nuovo segretario di Sinistra italiana

"Sono felice, orgoglioso ed emozionato. Incomincia oggi una storia nuova"

Roma, Assemblea Nazionale del Partito Democratico

Pd, indetto il congresso. Rossi, Emiliano e Speranza: Renzi sceglie strada scissione

L'ex premier: "No a ricatti e diktat". Il governatore della Toscana: "Tempi maturi per formare una nuova area"

Laura Boldrini e Giuliano Pisapia

Pisapia: Scissione Pd sarebbe una sciagura, serve unità sinistra

L'ex sindaco di Milano: Io né con Renzi né con D'Alema

Michele Emiliano, minoranza Pd

Pd, è il giorno della verità. Oggi assemblea, si rischia la scissione

Orfini prova a tendere la mano alla minoranza, mentre Guerini avverte: Nessun ultimatum