Venerdì 06 Maggio 2016 - 12:30

Caso Emanuela Orlandi, Cassazione dice no a riapertura del caso

Il fratello: Nessun potere fermerà la verità

Pietro Orlandi, fratello di Emanuela

La sesta sezione penale della Cassazione ha stabilito che non ci sarà alcuna riapertura dell'inchiesta sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, la cittadina vaticana sparita all'età di 15 anni il 22 giugno 1983. Per la scomparsa della giovane erano finite sotto inchiesta diverse persone legate a Enrico De Pedis, considerato elemento di spicco della Banda della Magliana ucciso nel 1990. La famiglia Orlandi aveva richiesto supplementi di indagine contrari alla richiesta di archiviazione della procura di Roma. La Cassazione ha detto no, convalidando l'archiviazione del caso. "Nessun potere, per quanto forte sia, potrà fermare la verità, anche se rimarrà una sola persona a difenderla e a pretenderla", è il commento di Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, dopo la decisione della suprema corte.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Perquisizione nella sede della Consip

Consip, Sessa e Scafarto sospesi dal servizio per depistaggio

Il colonnello e il maggiore dei carabinieri accusati di aver distrutto prove utili agli inquirenti

Nevicata in Piemonte - Disagi sulla A32 Torino Bardonecchia

Maltempo, ancora allerta in Liguria. Problema trasporti

I fiumi liguri sono sorvegliati speciali per rischio esondazione. Circolazione difficile ma in via di stabilizzazione

Sequestro di madre e figlia fuori dal centro commerciale Valecenter di Venezia

'Ndrangheta, blitz nel reggino: 48 arresti, sequestro per 25 mln

In manette anche l'ex sindaco e un ex assessore di Taurianova. Le accuse sono di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento e porto illegale di armi