Lunedì 18 Luglio 2016 - 15:45

Caso Cucchi, appello bis: assolti i medici del Pertini

Il pg Rubolino aveva chiesto 4 anni di carcere per il primario Aldo Fierro

Caso Cucchi, appello bis: assolti i medici del Pertini

Sono stati assolti i cinque medici dell'ospedale Sandro Pertini di Roma che ebbero in cura Stefano Cucchi prima che morisse, il 22 ottobre del 2009. La decisione è arrivata dai giudici della corte d'assise d'appello di Roma nel processo bis, che vedeva imputati Aldo Fierro, primario all'epoca dei fatti, Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis e Silvia Di Carlo.

LEGGI ANCHE Sette anni di indagini e processi: la cronologia

Il pg Eugenio Rubolino, aveva chiesto quattro anni di carcere per Aldo Fierro, e tre anni e sei mesi per gli altri quattro medici alla sbarra. Nel procedimento erano presenti come parti civili il Comune di Roma e Cittadinanzattiva, ma non i familiari di Stefano Cucchi che hanno ricevuto un risarcimento di un milione e trecentomila euro dall'ospedale romano.

Mentre il quarto processo ai medici si conclude, è ancora in corso la perizia medico legale sul caso nell'ambito dell'inchiesta bis sulla morte del giovane che vede indagati cinque carabinieri. Il nuovo incidente probatorio ha il compito di rivalutare il quadro di lesività sul corpo del giovane anche al fine di stabilire la sussistenza o meno di un nesso di causalità tra le lesioni subite a seguito del pestaggio e la sua morte. Nell'inchiesta bis sono indagati Alessio Di Bernardo, Raffaele D'Alessandro, Francesco Tedesco per lesioni personali aggravate e abuso d'autorità, e Vincenzo Nicolardi e Roberto Mandolini per falsa testimonianza. Nicolardi risponde anche di false informazioni al pm.  Secondo la nuova indagine della procura di Roma, Stefano Cucchi fu pestato dai carabinieri e ci fu una strategia scientifica per ostacolare la corretta ricostruzione dei fatti.

Stefano Cucchi è morto il 22 ottobre del 2009, all'ospedale Pertini di Roma. Era stato arrestato una settimana prima per detenzione di droga, la sera del 15 in via Lemonia, nei pressi del Parco degli Acquedotti.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere

Roma,Movimenti per la Casa contro lo spettacolo di Beppe Grillo al Teatro Flaiano

Coniugi uccisi a Viterbo: fermato il figlio a Ventimiglia

I corpi delle vittime erano stati trovati avvolti nel cellophane dall'altra figlia della coppia

Arrestato Igor, l'assassino spietato di Budrio: era in Spagna

Era ricercato da mesi. Fermato dopo un conflitto a fuoco in cui ha ucciso tre persone