Mercoledì 15 Febbraio 2017 - 18:00

Caso Ceste, condanna a 30 anni in appello al marito

Elena trovata morta in un canale mesi dopo la scomparsa

Caso Ceste, confermata condanna a 30 anni in appello al marito

 E' stata confermata la condanna a 30 anni in appello per Michele Buoninconti, vigile del fuoco considerato colpevole dell'omicidio della moglie Elena Ceste, ritrovata morta in un canale a Costigliole d'Asti mesi dopo essere scomparsa.  "Sapevamo che non poteva andare diversamente, mai avremmo voluto che il colpevole fosse lui". E' il commento, a Pomeriggio 5 su Canale 5, di Danilo Tavano, cognato di Elena, alla conferma in appello della condanna. "Non posso dire che sono contento che stia dentro - ha aggiunto -, ma purtroppo se l'è cercata lui".

I legali daranno battaglia: "Impugneremo la sentenza in Cassazione. Michele Buoninconti è stato colpito negativamente da questa conferma della condanna. Credeva di poter avere giustizia. Comunque non ci arrendiamo, il terzo grado della giustizia sarà attivato e questa sarà la decisione definitiva".  
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Bari, uomo si barrica in casa con il fucile: bloccato

A Palo del Colle. Con lui c'era anche la zia, che è riuscita a scappare

Sanremo 2015 - Quarta serata

Padova, laurea in Scienze per Sammy Basso, affetto da invecchiamento precoce

Il ragazzo di 22 anni è il volto di diverse iniziative a favore della ricerca su questa rara malattia, la progeria. In Italia ci sono 5 casi

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Migranti, presi 11 scafisti a Pozzallo, 4 annegati. Austria: "Non da noi"

Tra i fermati, anche il comandante dell'equipaggio. Il cancelliere Sebastian Kurz invia una lettera al premier Conte: "Non li accogliamo"

Estate, al 24% degli italiani capita di perdere i figli durante le vacanze

Luoghi affollati come spiagge, piscine, parchi a tema e centri commerciali diventano luoghi pericolosi