Lunedì 23 Maggio 2016 - 18:00

Caso Antinori, ex donatrice ovuli: Sempre trattata bene

La testimonianza della 29 Ramona ai microfoni di 'Pomeriggio 5'

Caso Antinori, ex donatrice ovuli: Mi hanno sempre trattata bene

"Io ho donato gli ovuli due volte, a distanza di tre mesi. All'inizio mi avevano parlato di un rimborso, ma non sapevo quanto. Mi hanno dato mille euro per ogni donazione, che è stata una mia scelta". Così ai microfoni di 'Pomeriggio 5' Ramona, una 29enne che ha donato per due volte i suoi ovuli alla clinica Matris del ginecologo Severino Antinori, arrestato la scorsa settimana per aver prelevato 8 ovuli da una ragazza spagnola senza il suo consenso. "Io ho avuto un po' paura, ma sono andata avanti. Sono sempre stata trattata bene", ha aggiunto.

In collegamento con il programma di Canale 5 anche il legale di Antinori, Carlo Taormina: "Non mi risulta che Antinori abbia fatto una richiesta di perizia, ha reso un interrogatorio particolareggiato che ha ridescritto la personalità della denunciante, spiegando anche quando l'aveva conosciuta. Io non voglio prendere nessuna posizione per ora. La giovane spagnola ha chiesto anche il reintegro alla Matris, mi sembra strano".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bimbo abbandonato a Brescia, trovata la mamma: ha altri 5 figli

La donna ha nascosto la gravidanza e ha poi abbandonato il piccolo in un vicolo

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via il convegno a Treviso con Laitenberger e Pitruzzella

Il 24 e il 25 maggio torna la tredicesima edizione del convegno

Roma, la sindaca Raggi in ospedale per un malore

Livorno, crolla solaio in una scuola: ferito professore

L'uomo è salito su un pannello divisorio di cartongesso per aprire una finestra

"Mangia in piedi come un animale", bimbi insultati e maltrattati: arrestate due maestre a Parma

In manette due insegnanti di Colorno accusate di violenze su alunni della materna. Codacons: "Installare telecamere nelle scuole". Un altro caso a Udine