Sabato 18 Giugno 2016 - 14:45

Caserta, tenta di uccidere moglie per gelosia: arrestato

Si intrufola all'interno della casa dell'ex moglie e l'accoltella

Carabinieri

I Carabinieri della stazione di Alvignano hanno tratto in arresto Ruggiero Angelo Gabriele, classe 1965 di Roccaromana, responsabile del reato tentato omicidio.  L'uomo, intorno a mezzanotte e trenta, attraverso una finestra lasciata aperta, riusciva a penetrare nell'abitazione della ex coniuge, 48enne di Dragoni e, per motivi di gelosia connessi alla fase di separazione in atto, la aggrediva con un coltello a serramanico colpendola ripetutamente all'addome, dandosi successivamente alla fuga.

La vittima, soccorsa dalla figlia e da personale del 118, veniva trasportata presso l'ospedale di Piedimonte Matese, ove veniva giudicata in prognosi riservata, non in pericolo di vita per "ferite da taglio multiple toraco addominali con pnx a sinistra ed agli arti superiori ed inferiori".Il Ruggiero Angelo Gabriele rintracciato da personale della Compagnia di Piedimonte Matese, ancora con evidenti tracce di sangue su entrambi gli arti superiori, è stato associato alla casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bimbo abbandonato a Brescia, trovata la mamma: ha altri 5 figli

La donna ha nascosto la gravidanza e ha poi abbandonato il piccolo in un vicolo

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via il convegno a Treviso con Laitenberger e Pitruzzella

Il 24 e il 25 maggio torna la tredicesima edizione del convegno

Roma, la sindaca Raggi in ospedale per un malore

Livorno, crolla solaio in una scuola: ferito professore

L'uomo è salito su un pannello divisorio di cartongesso per aprire una finestra

"Mangia in piedi come un animale", bimbi insultati e maltrattati: arrestate due maestre a Parma

In manette due insegnanti di Colorno accusate di violenze su alunni della materna. Codacons: "Installare telecamere nelle scuole". Un altro caso a Udine