Giovedì 14 Settembre 2017 - 19:15

Caparezza si mette al centro: esce 'Prisoner 709'

Un disco che è anche un percorso di autoanalisi

Caparezza

Una ex fabbrica totalmente vuota. Seduto su una sedia al centro, con due cerchi concentrici di giornalisti intorno a tempestarlo di domande. Un po' seduta psichiatrica, un po' terapia di gruppo. E' così che Caparezza decide di presentare alla stampa il suo nuovo album 'Prisoner 709', quello del ritorno a tre anni da 'Museica'. La scelta non è casuale, intanto perché per il rapper la creazione del disco stesso è stata un viaggio dentro se stesso, e poi perché, in questo lavoro, Michele Salvemini si è messo al centro, per la prima volta. "E' un album rivolto verso di me - racconta - e non verso gli altri, ho analizzato me stesso".

E l'analisi lo ha portato a concepire un disco diverso dai precedenti. Sedici brani, suoni decisamente meno orecchiabili e più respingenti. Una ricerca di citazioni e di parole poco conosciute, di difficile interpretazione. Ma questo, a Caparezza, non interessa: "Ogni album deve avere senso. Non posso pensare se le persone canteranno o no i brani, ma se rispecchia quello che avevo in testa". E quello che aveva in testa era altro rispetto all'ultimo lavoro: "Ad un certo punto - spiega - mi sono sentito intrappolato nella mia vita, ho voluto raccontare questo stato d'animo. Sono sempre stato ironico e giocoso, ma la vita ti pone davanti a delle riflessioni. Io le ho messe in questo album in bianco e nero, diverso dagli altri che erano a colori". E proprio questo è il tema dell'album: la trappola, la "prigionia dei ruoli".

Perché la musica, Caparezza, la ama e la odia: "Mi ha dato e tolto tanto". Cosa? Tanto per cominciare l'udito. Sì, perché dal precedente disco a questo il rapper è stato colpito dall'acufene, un disturbo dell'udito che gli ha portato un deficit. "Questo album - dice, come sempre ironico - lo sentirete meglio voi di me".

Ma chi è il 'prigioniero 709'? E' sempre lui, Caparezza. "Lo zero al centro in realtà è una 'o', una scelta tra una parola di 7 lettere e una di 9: Michele o Caparezza? Ogni traccia di questo disco ha un suo 709 (libertà o prigionia, aprirsi o chiudersi, compact o streaming). I brani sono 16, la somma di 7 e 9". Per quale reato è in carcere? "Per l'esistenza - risponde -. A un certo punto cominci a pensare alle mancanze: di fede, di serenità nonostante si faccia un lavoro privilegiato. Ti poni il problema del perché le cose non vadano. Il mio reato è pensare sempre alle cose e questo non me le fa godere". Poi, però, rassicura: "State tranquilli, non sono depresso. Sono felice".

Forse perché, considerando la musica "salvifica", nel percorso di scrittura dell'album davvero Caparezza è riuscito a fare autoanalisi: "La soluzione è all'interno dell'album. Il pezzo che lo apre, è lo stesso che lo chiude. Solo che all'inizio è angosciante, mentre alla fine è felice, perché ho capito che l'accettazione del casino è anche la soluzione del problema e ti porta alla liberazione".

Questo lavoro, insomma, Caparezza l'ha fatto più per sé che per gli altri, anche per mettersi alla prova: "Un disco non deve piacere, deve esistere. La logica dell'album che deve piacere porta a fare dischi piacioni. Se tu scrivi pensando solo a soddisfare il pubblico, che lavoro è?". La parola, adesso, sta al pubblico.
 

Scritto da 
  • Chiara Troiano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Foto tratta dalla pagina Facebook degli AC/DC

Morto Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC

Scomparso a 64 anni dopo una lunga malattia

Zucchero, 30 anni di carriera con 'Wanted': "Ora nuovo capitolo"

E dopo cinque anni, durante i quali in Italia ci sono stati solo gli show all'Arena di Verona, Fornaciari torna in tour

Sergio Sylvestre festeggia il Natale: esce 'Big Christmas'

Undici canzoni tipiche del periodo delle feste per tenere compagnia ai suoi fan sotto l'albero

Gianni Morandi al 40° album: "Mi piace ancora cantare l'amore"

Il traguardo con 'd'amore d'autore'. Il cantante chiama a raccolta otto autori per mettere in musica il "motore di tutte le cose"