Lunedì 01 Agosto 2016 - 11:45

Rifiuti, Raggi: Ama? 600 milioni di debiti, va riorganizzata

"Azienda incauta: poco rinnovamento nelle infrastrutture, troppi costi"

Caos rifiuti, Raggi: Ama ha 600 milioni di debiti, va riorganizzata

La questione rifiuti continua a tenere banco nella politica capitolina. Dopo il caos scoppiato sull'assessora all'Ambiente Paola Muraro, accusata di conflitto di interessi per doppio incarico (all'Ama e alla Bioman, società che vinse un appalto per smaltire rifiuti romani in Friuli), parola alla sindaca Raggi. "Ama Spa (l'azienda dei rifiuti di Roma ndr) incautamente, in questi ultimi anni non si è dotata delle infrastrutture impiantistiche necessarie, offrendo, quindi, di fatto, opportunità a gruppi privati e ad Acea Spa di inserirsi nel settore di attività proprio di Ama", afferma Raggi, nel corso della presentazione delle linee programmatiche della sua giunta in assemblea capitolina.

"Di fatto, Ama spa è stata relegata a svolgere mera attività di raccolta, trasbordo, trasporto e scarico in discarica, con enormi costi di dotazione per contenitori, veicoli e mezzi", aggiunge Raggi.

"I numeri attuali dell'azienda sono: oltre 600 milioni di euro di debiti, di cui 200 milioni verso fornitori, oltre 35 milioni di euro annui verso il pool di banche che la sostiene; 250 milioni di costi per la esportazione di rifiuti; circa 7500 dipendenti; una flotta di veicoli acquistati per oltre 200 milioni nel 2009 e 2010", spiega la pentastellata ponendosi come obiettivo la "riorganizzazione di Ama sotto l'egida della sindaca e dell'assessorato preposto". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"