Mercoledì 27 Aprile 2016 - 13:00

Cantone: Calcio strumento di consenso anche per la mafia

Sugli interessi della malavita nel settore aggiunge: "E' un mezzo per avvicinare il potere perché allo stadio ci vanno tutti"

Raffaele Cantone

"Il calcio è uno strumento di potere e di consenso, e così è utilizzato anche dalle mafie". Queste le parole di Raffaele Cantone a capo dell'Autorità nazionale anticorruzione, intervenuto stamane all'iniziativa 'A mano disarmata, forum internazionale dell'informazione contro le mafie', all'Auditorium Parco della musica di Roma. 
"Inoltre il calcio è uno strumento per avvicinare il potere - aggiunge Cantone in riferimento agli interessi della malavita nel settore - perché allo stadio ci vanno tutti".

MAGISTRATI E SENTENZE. "Non credo che magistrati debbano parlare solo con sentenze. Come possiamo parlare solo con le sentenze se a volte sono tanto difficili che non le capiamo neanche noi?". Cantone, nel corso dell'incontro, risponde inoltre alle frasi del presidente del Consiglio Matteo Renzi, che avevano scatenato polemiche e riaperto lafrattura tra politica e magistratura.

Tra i due ambiti deve esistere una dialettica, aggiunge il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, secondo il quale "i magistrati applicano le leggi quindi è utile che ne giudichino il funzionamento e facciano sentire la loro voce, fermo restando che è opportuno che ognuno resti nei propri ambiti". Cantone ha inoltre sottolineato l'importanza del lavoro di educazione alla legalità fatto nelle scuole.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rimini, congresso fondativo di "Sinistra Italiana"

Leu, Civati: "Foglioline? Noi siamo femministi nella sostanza"

Al nuovo partito potrebbe unirsi anche Laura Boldrini

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Grasso: "Comandato da D'Alema? Sarò io a guidare Liberi e Uguali"

Il presidente del Senato risponde a Matteo Renzi che lo ha paragonato a Fini

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno