Lunedì 26 Settembre 2016 - 07:15

Dal Canton Ticino freno a italiani: limitazioni per i frontalieri

Gentiloni commenta l'esito del referendum: "A rischio rapporti con l'Ue senza libera circolazione"

Canton Ticino dice sì a limitazioni per lavoratori frontalieri

I cittadini del Canton Ticino, in Svizzera, hanno approvato in un referendum l'iniziativa popolare denominata 'Prima i nostri', con cui si chiedono maggiori restrizioni per i lavoratori stranieri. La consultazione, che era stata proposta dal partito di destra Udc, è passata con il 58% dei sì e il 39,7% dei no. L'iniziativa chiede che nel mondo del lavoro, a parità di qualifiche professionali, venga privilegiato chi vive sul territorio.

Il risultato non è piaciuto al governatore della Lombardia Roberto Maroni che su Facebook scrive: "Il Canton Ticino ha votato per bloccare l'ingresso a decine di migliaia di lavoratori lombardi (LAVORATORI, non immigrati clandestini) che ogni giorno attraversano il confine per lavorare (regolarmente) in Svizzera. L'esito del referendum è chiaro: il popolo sovrano si è espresso, viva la democrazia diretta. Accettiamo l'esito del referendum, naturalmente, ma vigileremo perché ciò non si traduca in una lesione dei diritti dei nostri concittadini lombardi o (peggio) nella introduzione di discriminazioni o violazioni delle norme che tutelano i nostri lavoratori. A partire da domani, dunque, la Regione Lombardia predisporrà le adeguate contromisure per difendere i diritti dei nostri concittadini LAVORATORI".

Il "referendum anti frontalieri" che si è tenuto nel Canton Ticino "non ha per ora effetti pratici, ma senza libera circolazione delle persone rapporti Svizzera-Ue a rischio", avverte il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni su Twitter.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presidente Donald Trump firma decreti alla Casa Bianca

Trump riapre progetti oleodotti: ambientalisti insorgono

I progetti erano stati congelati da Barack Obama

Ferrara, esclusiva 'Giallo': dietro delitto una relazione gay osteggiata

Ferrara, esclusiva 'Giallo': dietro al delitto una relazione gay osteggiata

Manuel aveva anche pubblicato un messaggio su Facebook in cui provava a svelare il suo amore segreto per Riccardo

Regeni, dopo mesi di false piste ora si indaga su poliziotti egiziani

Regeni, dopo le false piste ora si indaga su poliziotti egiziani

L'analisi dei tabulati conferma stretti rapporti tra Abdallah e polizia