Lunedì 23 Gennaio 2017 - 15:00

Canalis, mortò il papà. Il commovente addio di Elisabetta

Un malore ha portato via Cesare, che era a Los Angeles per trovare la nipotina e la figlia

Canalis, mortò il papà. Il commovente addio di Elisabetta sui social

Una foto di suo padre al tramonto sul lungomare di Alghero, la scritta, di cuore, "Non so se tutto questo sarà lo stesso senza di te , noi ci proveremo babbino mio. Ti voglio tanto tanto bene". In questo modo Elisabetta Canalis ha condiviso sui social il suo dolore per la morte del padre, scomparso per un malore a 78 anni. L'uomo è stato vittima di un malore mentre trovava a Los Angeles per passare un po' di tempo con la figlia e la nipotina Skyler.

Semnpre sui social, prima del commovente ricordo della figlia, Cesare era stato ricordato dall'amico Attilio Mastino, suo grande amico e rettore dell'Università di Sassari, la cui clinica radiologica Canalis aveva diretto per molto tempo. 

Il ricordo di Elisabetta ha raccolto molta vicinaza da parte dei fan che hanno apprezzato la sincerità del dolore della showgirl nel momento della grave perdita e le hanno tributato la loro vicinanza nel più duro dei giorni. 

 

Non so se tutto questo sara' lo stesso senza di te , noi ci proveremo babbino mio. Ti voglio tanto tanto bene.

Una foto pubblicata da Elisabetta Canalis (@littlecrumb_) in data:

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Vogue Party a Parigi

Molestie, modelli accusano il fotografo Testino. Vogue: "Stop collaborazioni"

Dopo il caso Weinstein, lo scandolo coinvole ora il mondo della moda. Nel mirino anche il collega Bruce Weber

Milano, ultimi preparativi per la Prima della Scala

Scala, oggi la prima con il ritorno dell'Andrea Chénier e Anna Netrebko

La protagonista è Anna Netrebko, considerata da molti una nuova Callas

Attesa a Napoli per la pizza patrimonio immateriale dell'Unesco

Unesco, l'arte della pizza diventa patrimonio dell'umanità

Un riconoscimento a lungo atteso, che premia i pizzaiuoli, il loro lavoro, la loro identità