Giovedì 22 Dicembre 2016 - 08:00

Campidoglio, Muraro respinge le accuse dei pm

L'ex assessore all'Ambiente della giunta Raggi è accusata di eco reati

Campidoglio, Muraro respinge le accuse dei pm

"Gli adempimenti contestati non erano di mia competenza. Io segnalavo le anomalie ai dirigenti e ai responsabili degli impianti". Paola Muraro si è difesa durante l'interrogatorio fiume davanti ai magistrati. L'ex assessore all'Ambiente del Comune di Roma, indagata per eco reati, ha ricostruito i 12 anni di lavoro come consulente dell'Ama, l'azienda capitolina dei rifiuti. Muraro ha "respinto le accuse" ed esclude di "avere rivestito qualifiche che implicano responsabilità per reati ambientali". "Se ci sono reati sono attribuibili ai dirigenti aziendali, non a me", la linea tenuta. Nel corso dell'interrogatorio non si sarebbe parlato invece, stando ai difensori, dell'esperienza di Muraro come assessore "perché non è oggetto di indagine".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Luigi Di Maio a Torino per la restituzione stipendi consiglieri

Parlamentarie M5S, proteste sul web. Il blog: "Sono chiuse"

Molti non sono riusciti a esprimere la loro preferenza, altri non hanno trovato il proprio nome nella lista dei papabili che correranno al proporzionale nelle elezioni del 4 marzo

Assemblea degli amministratori del PD nella Sala dei 500 del Lingotto di Torino

Pd, squadra governo in campo. Renzi: "No polemiche, minoranze garantite"

Il segretario dem: "La convinzione che ci siano posti sicuri è superata. Tutto è molto contendibile. Il posto sicuro in questo caso ce l'ha chi sul collegio i voti li trova"

Carlo De Benedetti ospite a "Otto e Mezzo"

De Benedetti contro tutti: "Riforma popolari segreto Pulcinella, Scalfari ingrato"

L'ingegnere parla del suo rapporto con il potere e non lesina giudizi in vista della prossime elezioni politiche

Giugliano in Campania, militari dell'esercito italiano presidiano la 'Terra Dei Fuochi'

Ok Camera a missioni internazionali: 870 militari in partenza

Quattrocento verranno mandati in Libia, 470 in Niger. Forza Italia e Fratelli d'Italia votano a favore