Venerdì 16 Dicembre 2016 - 14:45

Campidoglio, arresto di Marra divide M5S

Il capo del personale vicinissimo a Raggi è finito in manette per corruzione

Campidoglio, arresto di Marra divide M5S

Saltano i piani del M5S. L'arresto di Raffaele Marra, vicinissimo alla sindaca Virginia Raggi, ex vice capo di Gabinetto del Campidoglio e ora capo del personale finito in manette con l'accusa di corruzione, sconvolge il mondo Cinquestelle. Salta il flash mob a Siena per Mps, i parlamentari ancora con lo zainetto in spalla vengono raggiunti dalla notizia e commentano a caldo: "Da un movimento che è nato con la volontà di imporre rispetto delle regole, non si può che pretendere che su se stesso sia altrettanto rigoroso". "Se Marra ha sbagliato, paghi". E ancora, Roberto Fico: "Fatto gravissimo". Mentre Beppe Grillo rimane chiuso nell'hotel Forum di Roma, la sindaca di Roma chiede scusa al movimento, a Grillo, ai romani e annuncia che Marra è fuori e l'amministrazione va avanti. Risuonano intanto le parole pronunciate da Grillo sulla vicenda, quando ancora c'erano solo le dimissioni della assessora all'Ambiente Paola Muraro: "Sono problemi che riguardano il Comune di Roma". Ora non più. Le opposizioni in Campidoglio chiedono un passo indietro della sindaca. Matteo Orfini, presidente del Partito democratico, va oltre e dichiara che i vertici M5S "sono corresponsabili politicamente". Ma, soprattutto, è all'interno del movimento che va fatta chiarezza. Quello che sta succedendo in questi giorni rende ancora più evidente la doppia linea presente tra i 5 Stelle. Sarà soprattutto l'ala 'movimentista', vale a dire Paola Taverna, Roberta Lombardi, Roberto Fico, Carla Ruocco, a richiedere un chiarimento interno. Sono loro, i Cinquestelle della prima ora, i 'duri e puri', ad aver sempre fatto presente a Grillo e Casaleggio le 'anomalie' della giunta Raggi. E' a loro che la sindaca e il leader devono una spiegazione.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Politiche - I simboli dei partiti depositati al Viminale

Elezioni, programmi a confronto: le promesse dei partiti da meno tasse a più lavoro

A poco più di 40 giorni dal voto, i leader tentano fughe in avanti per differenziarsi dai competitors. Ma in realtà le proposte degli schieramenti non sono poi così distanti

Milano, assemblea circoli Pd

Burioni dice no a Renzi: "Non mi candido, ma la mia lotta continua"

Il medico e volto della campagna pro vaccini: "Combatterò per la verità contro le bugie fuori dal Parlamento". E agli elettori: "Evitate i cialtroni"

Assemblea degli amministratori del PD nella Sala dei 500 del Lingotto di Torino

Elezioni, Renzi: "Flat tax fa pagare meno tasse a miliardari come Berlusconi e Grillo"

Parlando dei suoi avversari politici ha aggiunto: "Noi non possiamo dialogare con forze populiste"