Venerdì 13 Maggio 2016 - 07:45

Camorra, traffico droga tra Campania e Spagna: 18 arresti

Facevano parte di due associazioni criminali finalizzate a spaccio attive a Napoli e sull’Isola d’Ischia

Camorra, traffico droga tra Campania e Spagna: 18 arresti

I carabinieri della compagnia Vomero hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere,  emessa dal Gip di Napoli su richiesta della DDA, a carico di 18 persone, ritenute responsabili di promozione e partecipazione a 2 associazioni finalizzate al traffico e allo spaccio di stupefacenti attive a Marano di Napoli, nei quartieri partenopei del Vomero e dell’Arenella e sull’Isola d’Ischia. Nel corso di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli i militari dell’Arma hanno accertato che la prima associazione, riconducile alla famiglia 'Nettuno' attiva a Marano e contigua al clan 'Polverino', era dedita allo spaccio di ingenti quantitativi di stupefacenti acquistati in Spagna grazie alla mediazione di un latitante rifugiato nella penisola iberica e tratto in arresto dopo oltre 3 anni di latitanza. La seconda associazione, attiva al Vomero - Arenella e sull’isola di Ischia, era dedita allo spaccio di stupefacenti che nei mesi invernali venivano spacciati al Vomero mentre nei mesi estivi nelle aree di villeggiatura sull’isola verde.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FILES-ITALY-POLITICS-NAPOLITANO-HEALTH

Napolitano dimesso dall'ospedale San Camillo di Roma

Era ricoverato dal 24 aprile dopo il malore e l'operazione al cuore

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti