Martedì 10 Maggio 2016 - 12:45

Camorra, racket e intimidazioni nel napoletano: 21 arresti

Coinvolti i clan D'Avino e Anastasio

Camorra, racket e intimidazioni nel napoletano: 21 arresti

Custodia cautelare per 21 indagati tra Somma Vesuviana, Sant'Anastasia e Castelnuovo di Napoli, ritenuti responsabili a vario titolo di reati di associazione a delinquere di tipo mafioso, tentato omicidio, spaccio di stupefacenti ed estorsione, reati aggravati dal cosiddetto 'metodo mafioso' e dalla volontà di agevolare i sodalizi camorristici. L'indagine, delegata al nucleo operativo della compagnia di Castello di Cisterna e alla stazione di Somma Vesuviana, ha permesso di individuare due gruppi criminali che portavano avanti estorsioni e gestivano sostanze stupefacenti nelle aree di Somma Vesuviana e Sant'Anastasia. Si tratta dei gruppi criminali D'Avino, capeggiato da Giovanni D'Avino, noto come 'o bersagliere', e Anastasio.

L'indagine è stata condotta con intercettazioni telefoniche e ambientali, e con dichiarazioni di persone informate sui fatti e collaborazioni di giustizia. Si è potuto accertare l'esistenza di episodi di estorsione e atti intimidatori tra cui anche colpi di arma da fuoco contro abitazioni ed esercizi commerciali.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Qualiano, figlio uccide la madre e si barrica in casa

Napoli, catturato dopo ore dai carabinieri: aveva ucciso la madre e si era barricato in casa

Dramma familiare a Qualiano. Il 37enne, con problemi psichici, ha aperto il fuoco contro la donna

Pompei: i nuovi scavi della Regia V

Via alle analisi per stabilire età e attività del bimbo di Pompei

Si svolgeranno nel centro di Ricerche del Parco archeologico. Dallo scheletro, pressoché perfetto, indicazioni sulla vita nella città distrutta dall'eruzione

Manifestazione "no al debito ingiusto" a Napoli

Sottomarino Usa usato in Siria era a Napoli. De Magistris: "Mai più"

Il sindaco: "La nostra è una città denuclearizzata"

Continuano le operazioni di spegnimento dell'incendio all'azienda Rykem di San Donato

Napoli, picchia la compagna incinta: lei perde il bambino

Il 44enne è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurato aborto