Martedì 10 Maggio 2016 - 12:45

Camorra, racket e intimidazioni nel napoletano: 21 arresti

Coinvolti i clan D'Avino e Anastasio

Camorra, racket e intimidazioni nel napoletano: 21 arresti

Custodia cautelare per 21 indagati tra Somma Vesuviana, Sant'Anastasia e Castelnuovo di Napoli, ritenuti responsabili a vario titolo di reati di associazione a delinquere di tipo mafioso, tentato omicidio, spaccio di stupefacenti ed estorsione, reati aggravati dal cosiddetto 'metodo mafioso' e dalla volontà di agevolare i sodalizi camorristici. L'indagine, delegata al nucleo operativo della compagnia di Castello di Cisterna e alla stazione di Somma Vesuviana, ha permesso di individuare due gruppi criminali che portavano avanti estorsioni e gestivano sostanze stupefacenti nelle aree di Somma Vesuviana e Sant'Anastasia. Si tratta dei gruppi criminali D'Avino, capeggiato da Giovanni D'Avino, noto come 'o bersagliere', e Anastasio.

L'indagine è stata condotta con intercettazioni telefoniche e ambientali, e con dichiarazioni di persone informate sui fatti e collaborazioni di giustizia. Si è potuto accertare l'esistenza di episodi di estorsione e atti intimidatori tra cui anche colpi di arma da fuoco contro abitazioni ed esercizi commerciali.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bari, conferenza dopo operazione antiterrorismo

Camorra, arrestate le donne del clan: sorella e cognate del boss Zagaria

Da quando gli uomini sono in carcere, sono loro a guidare il crimine organizzato

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università