Martedì 17 Maggio 2016 - 13:15

Camorra, imprenditore ucciso nel 2006: trovati mandanti ed esecutori

Eseguita ordinanza cautelare di applicazione della custodia in carcere per sei persone

Camorra, imprenditore ucciso nel 2006: trovati mandanti ed esecutori

Con l'accusa di concorso in omicidio per la morte dell'imprenditore edile Enrico Amelio, avvenuta dieci anni fa, i carabinieri del nucleo investigativo di Napoli hanno eseguito un'ordinanza cautelare di applicazione della custodia in carcere, emessa dal Gip di Napoli, per sei persone. La richiesta è stata avanzata dalla Direzione distrettuale antimafia della procura di Napoli. L'omicidio risale al 10 ottobre 2006, quando contro la vittima vennero sparati diversi colpi di arma da fuoco, uno dei quali raggiunse l'arteria femorale, provocando la morte di Amelio.

Ora, grazie anche alla dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, un tempo membri del clan 'Polverino', è stato possibile invidiuare le responsabilità dei mandanti e degli esecutori. A monte dell'omicidio, si legge in una nota della procura, la presunta intromissione da parte di un parente di Amelio, lo zio materno, in una rilevante trattativa immobiliare per la compravendita di alcuni fondi che avevano sollevato l'interesse del clan 'Polverino'.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bari, conferenza dopo operazione antiterrorismo

Camorra, arrestate le donne del clan: sorella e cognate del boss Zagaria

Da quando gli uomini sono in carcere, sono loro a guidare il crimine organizzato

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università