Martedì 17 Maggio 2016 - 13:15

Camorra, imprenditore ucciso nel 2006: trovati mandanti ed esecutori

Eseguita ordinanza cautelare di applicazione della custodia in carcere per sei persone

Camorra, imprenditore ucciso nel 2006: trovati mandanti ed esecutori

Con l'accusa di concorso in omicidio per la morte dell'imprenditore edile Enrico Amelio, avvenuta dieci anni fa, i carabinieri del nucleo investigativo di Napoli hanno eseguito un'ordinanza cautelare di applicazione della custodia in carcere, emessa dal Gip di Napoli, per sei persone. La richiesta è stata avanzata dalla Direzione distrettuale antimafia della procura di Napoli. L'omicidio risale al 10 ottobre 2006, quando contro la vittima vennero sparati diversi colpi di arma da fuoco, uno dei quali raggiunse l'arteria femorale, provocando la morte di Amelio.

Ora, grazie anche alla dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, un tempo membri del clan 'Polverino', è stato possibile invidiuare le responsabilità dei mandanti e degli esecutori. A monte dell'omicidio, si legge in una nota della procura, la presunta intromissione da parte di un parente di Amelio, lo zio materno, in una rilevante trattativa immobiliare per la compravendita di alcuni fondi che avevano sollevato l'interesse del clan 'Polverino'.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Qualiano, figlio uccide la madre e si barrica in casa

Napoli, catturato dopo ore dai carabinieri: aveva ucciso la madre e si era barricato in casa

Dramma familiare a Qualiano. Il 37enne, con problemi psichici, ha aperto il fuoco contro la donna

Pompei: i nuovi scavi della Regia V

Via alle analisi per stabilire età e attività del bimbo di Pompei

Si svolgeranno nel centro di Ricerche del Parco archeologico. Dallo scheletro, pressoché perfetto, indicazioni sulla vita nella città distrutta dall'eruzione

Manifestazione "no al debito ingiusto" a Napoli

Sottomarino Usa usato in Siria era a Napoli. De Magistris: "Mai più"

Il sindaco: "La nostra è una città denuclearizzata"

Continuano le operazioni di spegnimento dell'incendio all'azienda Rykem di San Donato

Napoli, picchia la compagna incinta: lei perde il bambino

Il 44enne è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurato aborto