Domenica 26 Marzo 2017 - 09:30

Camorra, detenuto evade del carcere: catturato nel casertano

E' finito nuovamente in cella Alessandro Menditti, evaso a Frosinone il 18 marzo scorso. Ritenuto vicino ai vertici del clan di camorra Belforte, era ricercato in tutta Italia.

E' stato catturato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone il 18 marzo scorso. L'uomo è stato fermato dai carabinieri del Nucleo investigativo di Caserta a Recale, nel casertano. Manditti, ritenuto vicino ai vertici del clan di camorra Belforte, era ricercato in tutta Italia. Aveva tentato la fuga assieme al suo compagno di stanza Ilirjan Boce, albanese, rimasto ferito mentre scavalcava il muro di cinta e bloccato dalla polizia penitenziaria. Sono tutt'ora in corso le indagini da parte per accertare se ci siano stati altri eventuali complici dell'evasione. "Un plauso alle forze di polizia e ai carabinieri del nucleo investigativo di Caserta per tale arresto soprattutto anche al fine di far espletare interamente la pena al detenuto in carcere", dichiara in una nota la Federazione nazionale per la sicurezza Cisl Lazio.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ebola, italiano contagiato: paziente verso lo Spallanzani

Napoli, in codice rosso attende trasferimento per 4 ore: muore 23enne

La denuncia del consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli

Sommozzatori in azione

Ischia, maestro sub avrebbe tentato di salvare Lara

Antonio e Lara si erano immersi insieme per visitare una grotta in località Secca delle Formiche, ma non sono più tornati.

Ischia, sub muore nella Secca delle Formiche: dispersa donna

Ischia, sub e allieva morti: ritrovato il corpo della 13enne

Dalle prime ricostruzioni, sembra che i due si siano introdotti in una cavità senza riuscire ad uscirne

Catania, muore travolto da un'onda il medico siciliano sopravvissuto agli jihadisti

Salerno, 51enne annega per salvare le figlie in mare

Angelo si è tuffato per recuperare le bimbe che si erano allontanate sui materassini