Sabato 24 Giugno 2017 - 17:45

Rodotà, Gentiloni alla camera ardente: Merita ricordo del Paese

Le parole di Boldrini: "E' stato un vero privilegio lavorare con lui"

Camera dei Deputati - Camera ardente di Stefano Rodotà

Folla commossa alla camera ardente di Stefano Rodotà allestita a Palazzo Montecitorio. Presenti, tra gli altri, il premier, Paolo Gentiloni, Laura Boldrini e Giorgio Napolitano. Nella sala quattro grandi corone di fiori, da parte del Senato, della Camera, della Presidenza del Consiglio e della Presidenza della Repubblica.
"Ha vissuto una vita dedicata alla libertà e anche a dare il buon esempio a tantissimi giovani che hanno lavorato con lui - ha detto Gentiloni ai cronisti uscendo -. Merita il ricordo di tutto il Paese".

L'ex presidente della Repubblica, arrivato con la moglie Clio, è rimasto nella camera ardente per diverso tempo, anche lui consegnando ai giornalisti qualche parola di ricordo: "Era una bella amicizia. Le nostre posizioni si erano allontanate da tempo, e poi c'è stato il confronto duro sul referendum per la riforma costituzionale. Siamo entrambi di comune accordo sfuggiti a qualsiasi sollecitazione per un incontro diretto tra di noi che rischiava di diventare uno scontro. Bisogna saper preservare le amicizie". "La sua funzione di garante della privacy è rimasta una delle prove più belle della sua vita e che faceva parte del suo universo, quello dei diritti civili".

"Lascia una grande eredità: ha insegnato molto, è stato un uomo delle istituzioni, sempre mettendo i diritti al centro", ha dichiarato Boldrini. "Ho avuto il privilegio di lavorare con lui per la commissione Internet della Camera. E' veramente un grande dolore, è una perdita che non ci aspettavamo, ci saremmo visti martedì prossimo per lavorare con la commissione". 

"E' stata una delle presenze più belle e luminose del secolo. Riusciva a incarnare una quantità di talenti unici, è stata forse la persona che più si è avvicinata al mio ideale di passione per la cultura. E' legato al mio primo voto a diciotto anni", ha detto l'attore Fabrizio Gifuni, anche lui alla camera ardente.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cina, lo spettacolo creato dalle nuvole nel cielo di Xiamen

Le nuvole vengono da Sud. Il Meteo del 21 e 22 novembre

Due giornate all'insegna della variabilità. Cieli coperti ma anche schiarite e piovaschi, temperature in saliscendi

Elezioni, Matteo Salvini a Cascina per sostenere la candidata sindaco della Lega

Busta con proiettile a sindaca leghista di Cascina: "Diamo fastidio"

Susanna Ceccardi denuncia su Facebook la minaccia subita

Sciopero Nazionale dei Taxi

Non c'è accordo al governo: sciopero dei taxi in tutta Italia

Trenta sigle sindacali hanno annunciato la mobilitazione. Nencini: "Del tutto ingiutsificato"

Mafia, arresti e perquisizioni alla Regione Lazio e al Campidoglio: indagato anche Alemanno

Mafia, maxi operazione dei carabinieri a Palermo: 27 arresti

Al centro dell'indagine la famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù