Domenica 28 Febbraio 2016 - 16:30

Calderoli: Renzi verso partito 'fritto misto', si dimetta

L'attacco dell'esponente leghista dopo l'allargamento del sostegno al premier

Il leghista Calderoli

"Nel momento in cui al Governo sono entrati prima l'ex segretario e ora anche l'ex coordinatore di Forza Italia, ovvero quelli che sono stati i principali antagonisti del Pd alle ultime elezioni politiche, è diventato inverosimile che Renzi possa continuare a fare il presidente del Consiglio dei ministri e al tempo stesso anche il segretario del Pd". Lo afferma il senatore Roberto Calderoli, vice presidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord. "A questo punto - aggiunge - se dovesse proseguire mantenendo entrambi i ruoli significherebbe che è vero che sta lavorando per fare il 'partito della nazione' e così facendo starebbe tradendo il Pd di cui è segretario".

"Una situazione assurda - sostiene Calderoli - perché Renzi governa il Paese senza preso i voti dei cittadini ma solo quelli del palazzo, e tra questi voti ci sono quelli determinanti di transfughi del centrodestra, e intanto da premier sta liquefacendo il Pd ovvero il partito che ha preso, seppur per un soffio, il maggior numero di voti alle elezioni e per questo ha ottenuto il conseguente premio di maggioranza decisivo per questo Governo.  Un pasticcio evidente e sotto gli occhi di tutti".

"Così Renzi dopo aver fatto il 'fritto misto' di maggioranza di Governo adesso lavora per passare ad un partito 'fritto misto' e allora si capisce perché nell'Italicum ha parlato di lista e non di coalizione di liste, perché puntava già da allora a fare il suo 'partito fritto misto'. Non spetta a noi - conclude il leghista Calderoli - chiedere a Renzi le dimissioni da segretario del Pd, come peraltro stanno iniziando a fare diversi suoi iscritti - certo se poi si dimettesse da segretario del Pd farebbe felici i suoi iscritti e se poi si dimettesse anche da premier farebbe felici anche tutti i cittadini che non lo hanno mai eletto e lo manderebbero volentieri a casa subito - ma ogni tanto un esamino di coscienza sarebbe opportuno farlo, sempre che una coscienza ce l'abbia".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Referendum sull'autonomia della Lombardia, a Lozza il voto di Roberto Maroni

Referendum autonomia, Veneto al 57,3%, trionfa il Sì al 98,1%. Lombardia: "Sì" al 95,2%

Alle 23 (573 comuni su 575) il Veneto al 57,3%%. La Lombardia è ufficialmente ferma ai 31,81% delle 19. Il dato definitivo dovrebbe essere intorno al 40%. Zaia: "Qui comincia il big bang. Chiederemo che restino i nove decimi delle tasse"

Referendum sull'autonomia del Veneto, a San Vendemiano il voto del governatore Luca Zaia

Referendum autonomia: alle 19 l'affluenza è del 50,1% in Veneto, Lombardia al 31,81%

Dai risultati dipenderà il potere contrattuale dei due presidenti di Regione nell'eventuale trattativa con il governo per ottenere la gestione a livello regionale di materie oggi di competenza centrale. Raggiunto il quorum in Veneto

Referendum, elettore fa più di 6mila km per andare a votare in Veneto

Referendum, elettore fa più di 6mila km per andare a votare in Veneto

Marco Gambaretto vive e lavora nel Golfo Persico ma ha deciso di tornare a San Giovanni Ilarione, in provincia di Verona, per andare alle urne

Mdp tende la mano al Pd. Ma Renzi: "Prima ok a Rosatellum"

Speranza apre ai dem e si dice pronto a una coalizione di centrosinistra