Sabato 22 Aprile 2017 - 13:30

Tafferugli prima del derby di Lisbona: muore un italiano

Si tratterebbe di un tifoso della Fiorentina, gemellata con lo Sporting

Calcio, tafferugli prima del derby di Lisbona: muore un italiano

Un italiano di 41 anni è morto la notte scorsa a Lisbona, dopo essere stato investito da un'auto. Il fatto, riportato dai siti web portoghesi, sembra sia legato a tafferugli scoppiati, intorno alle 2 di notte, fuori dall'Estadio da Luz, tra tifosi del Benfica e dello Sporting Lisbona, le due squadre di calcio cittadine, impegnate questa sera in un derby di campionato. L'italiano, da quanto si apprende, era un tifoso della Fiorentina e dello Sporting. Tra i supporters delle due squadre esiste da anni un gemellaggio. Sull'accaduto indaga la polizia giudiziaria portoghese. Secondo il Jornal de noticias, l'uomo si chiama Marco Ficini. La polizia, scrive la testata, ha riferito che quando è arrivata sul posto ha trovato il 41enne già senza vita. L'auto che lo ha travolto è fuggita, secondo le autorità. Indagini sono in corso per individuarla sulla base dei filmati delle telecamere di sorveglianza e delle testimonianze delle persone sul posto.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter-Barça accordo per Rafinha. Chelsea su Dzeko e Emerson

Il Napoli continua a pensare a Matteo Politano del Sassuolo. Tra gli allenatori Prandelli ha chiuso l'esperienza negli Emirati Arabi

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"