Sabato 11 Febbraio 2017 - 15:00

Calcio, Spalletti difende Nainggolan: Bravo ragazzo, video da sciacalli

Il tecnico della Roma difende il centrocampista dopo il video contro la Juve

"Nainggolan fa una vita corretta e regolare. E' un bravissimo ragazzo". Il tecnico della Roma Luciano Spalletti in conferenza stampa alla vigilia della sfida con il Crotone si schiera dalla parte del centrocampista belga, finito al centro delle polemiche dopo il video diffuso nei giorni scorsi in cui dichiarava di odiare la Juventus. "La sua immagine è questa, non due bischerate dette fuori da un bar a due sciacalli - ha proseguito - E' un ragazzo pulito e lo sapete bene".

 "Se perdiamo o non vinciamo contro il Crotone è come se vincessero Juventus e Napoli. I nostri avversari hanno tutte gli stessi colori, le maglie azzurre e bianconere. Qualsiasi punto perdiamo per strada lo abbiamo perso contro questi colori qui, non contro i nostri avversari", ha poi aggiunto l'allenatore toscano spiegando che  "la partita è difficile anche perché il Crotone non ha avuto vita dura soltanto con la Juventus, ci sono state altre squadre che hanno sbloccato il risultato alla fine". "Nicola è un tecnico che sta lavorando bene -ha concluso - ha tenuto viva la squadra. Domani bisognerà essere una squadra forte".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma - Atalanta

Serie A, Atalanta ammazzagrandi: Roma stanca e ko in casa

Nonostante abbia giocato tutto il secondo tempo in dieci uomini, esce con l'intera posta in palio dalla sfida con una Roma stanca e senza idee

Roma - Sassuolo

Roma-Atalanta, Di Francesco: "Nainggolan non convocato, chi sbaglia paga"

Il centrocampista punito dopo la diffusione del video che lo ritrae ubriaco mentre fuma e bestemmia

Roma - Sassuolo

Roma, Nainggolan polemico con la stampa sui social: "Fatevi una vita"

Il centrocampista giallorosso contro i siti che riportano foto e video di Capodanno che il giocatore ha pubblicato su Instagram in cui beve e fuma. Poi arrivano le scuse