Sabato 13 Maggio 2017 - 15:45

Napoli, Sarri: Col prossimo contratto mi voglio arricchire

Il tecnico partenopeo: "Da giocatore ho fatto la miseria, lo devo alla mia famiglia"

Calcio, Sarri: Col prossimo contratto mi voglio arricchire

"Io nel calcio non mi sono arricchito e con il prossimo contratto mi voglio arricchire. Lo sento come obbligo nei confronti della mia famiglia". Parola del tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, che rimarca: "Da giocatore ho fatto la miseria, da allenatore io fino a cinque anni fa ero in serie C e sono entrato dentro a due fallimenti, per due anni non ho preso nemmeno lo stipendio, quindi è chiaro che non mi sono arricchito col calcio. Ma lamentarsi sarebbe un insulto a chi alla mattina prende il treno al mattino alle sei". Quanto alle parole del patron del club, che ha parlato di Sarri a vita al Napoli, il tecnico sottolinea che "il Napoli per me è stata, è, una soddisfazione enorme e dopo Empoli tutti parlarono bene di me, ma l'unico che ha avuto le palle per prendermi è stato De Laurentiis. Quindi si sta parlando di una persona a cui devo molto".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lazio - Napoli

Napoli, Koulibaly carico: "Juve avvisata, vogliamo lo scudetto"

Il difensore assicura: "Sono pronto a firmare a vita"

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"