Giovedì 24 Maggio 2018 - 14:30

Juventus, Marotta fa il punto sul mercato: "Higuain e Mandzukic restano. Milinkovic? Costa troppo"

"L'operazione Emre Can si può definire nel giro di 10 giorni", ha dichiarato l'ad bianconero

Roma - Juventus

Da Milinkovic a Emre Can, a pochi giorni dalla fine del campionato sono già molti i nomi che vengono accostati alla Juventus. "Siamo nella fase più importante del mercato e come sempre abbinano alla Juve tanti nomi", ha confermato Beppe Marotta, amministratore delegato della società bianconera. 

"Da riscontrare - ha continuato - c'è anche nella vicenda Morata il fatto che i giocatori più importanti del ciclo della gestione Agnelli andati via, hanno tutti un grande ricordo della Juventus e quasi tutti manifestano il fatto di voler riassaporare questo clima. Però al di là di questo sono semplicemente delle voci. Oltretutto abbiamo un reparto offensivo di grandissima caratura internazionale, è un settore dove non dobbiamo puntellare nulla".

"Milinkovic? E' un grande talento, però considerati i valori di mercato non ci avventuriamo su questa pista", ha sottolineato l'ad a margine della presentazione di un libro a Torino. "La nostra rosa oggi è competitiva comunque per quelli che sono i nostri traguardi, che sono i traguardi massimi per un club europeo". 

Quanto a Emre Can, Marotta si è dichiarato "ottimista. Nel momento in cui deciderà di abbandonare il Liverpool avremo delle grandi chance. Penso che nel giro di 10 giorni questa operazione si potrà definire in senso positivo o negativo. Perin? E' un portiere di elevata caratura, ma da qui a dire che noi abbiamo intavolato una trattativa, che noi abbiamo definito il rapporto, ne passa molto".

Altro nome accostato alla Juventus Darmian: "Può rientrare in quelle opportunità, di giocatori di cui noi andiamo alla ricerca. Non nascondo che è un profilo che ci interessa", ha aggiunto Marotta. "Consideriamo sempre che lo zoccolo duro di una rosa come quella della Juve debba essere rappresentato da giocatori che poi possono indossare anche la maglia azzurra".

"Se arrivasse un'offerta irrinunciabile per Higuain? Nessun giocatore è sul mercato, se non perchè gli stessi giocatori chiedono di avere esperienze alternative. Ha fatto molto bene, siamo molto contenti, non ci sono allarmismi. Se dovessero arrivare delle richieste in questo momento non le terremo in considerazione", ha continuato Marotta. Resterà a Torino anche Mandzukic: "Sarà un giocatore della Juventus a tutti gli effetti anche l'anno prossimo", ha spiegato a margine della presentazione di un libro. Stesso discorso per Douglas Costa: "E' una cessione avvenuta a titolo di prestito l'anno scorso, abbiamo un'opzione a nostro favore per riscattarlo definitivamente. Lo andremo sicuramente a riscattare da qua al 30 giugno".

Quanto al futuro di Alex Sandro "ci vedremo la prossima settimana e credo che sia auspicabile un prolungamento di contratto. Fa parte di quei confronti abbastanza ordinari che si registrano al termine di una stagione", ha proseguito. Su Dybala: "La posizione è abbastanza definita, è un giocatore su cui noi abbiamo riposto tanta fiducia e siamo molto contenti di quello che lui ha fatto e sta facendo. Già l'anno scorso, quando abbiamo prolungato, si era definito l'aspetto contrattualistico ed economico", ha spiegato Marotta. 

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Villar Perosa, primi 45' e primo gol per Ronaldo

Festa bianconera con migliaia di tifosi. Al 'marziano' bastano 8 minuti per infiammare il pubblico

i VIP sui social

Villar Perosa 'blindata' per CR7: "Voglio vincere con la Juve"

Il campione portoghese si racconta in esclusiva a Juventus TV: "Il mio primo gol bianconero? Verrà naturale"

Juventus - Crotone

Bonucci e il ritorno alla Juve: "Mi mancava casa, trasformerò i fischi in applausi"

La prima conferenza stampa del difensore dopo essere tornato a vestire i colori bianconeri

i VIP sui social

Primo allenamento al completo: Ronaldo ritrova tutta la Juve, Bonucci rilancia la BBC

CR7 disputa il primo allenamento con la squadra in presenza di Massimiliano Allegri