Sabato 17 Giugno 2017 - 13:00

C'è anche la Juventus su Donnarumma. Marotta: Provarci

L'ad e dg bianconero a 'La Gazzetta dello Sport': "Fa la differenza". Apertura su Douglas Costa del Bayern

Juventus vs Milan

La Juventus farà un tentativo per portare Gianluigi Donnarumma a Torino. Lo ha confermato il direttore generale della Juventus Beppe Marotta in un'intervista rilasciata a 'La Gazzetta dello Sport'. "L'augurio che faccio è che alla fine si trovi un accordo fra le parti però, quando un giocatore è sul mercato, la Juventus ha il dovere di provarci - ha ammesso il dirigente bianconero - E' un top player? È un talento, fa la differenza".

Per quanto riguarda gli altri obiettivi di mercato, a cominciare da Douglas Costa, Marotta ha evidenziato che "abbiamo avuto l'autorizzazione dal Bayern a incontrare i suoi agenti e la disponibilità del giocatore - ha rivelato - L'incontro coi bavaresi? Vediamo: che il Bayern voglia venderlo e che la cifra sia congrua fra domanda e offerta". Per N'Zonzi invece "ci sono stati sondaggi, non approfonditi. E' fra i monitorati". Esclusa invece la pista che porta a Marco Verratti. "Fra valutazione e caratteristiche, l'investimento non ci interessa", ha concluso il dg della Juventus.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Juventus, boom di vendite perla maglia numero 7 di Cristiano Ronaldo

Ronaldo alla Juventus: ecco come reagisce la Serie A

Dalla corsa per la maglia col numero 7 al benvenuto degli allenatori delle avversarie

Le prime pagine dei giornali - Foto tratta dal sito di Marca

Ronaldo-Juve, shock e ringraziamenti: la stampa spagnola saluta CR7

Emblematica la prima pagina di 'Marca' dal titolo: "Non ce ne sarà un altro uguale. Se ne va Cristiano, la leggenda da 451 gol"

FBL-WC-2018-ITA-JUVENTUS-RONALDO

Juve, CR7 il colpo (più) grosso della storia ma va capitalizzato

Ad Agnelli va fatta la riverenza: per l'idea, il coraggio, la determinazione con le quali ha reso possibile ciò che fino a un paio di settimane fa sembrava impossibile