Giovedì 26 Gennaio 2017 - 21:30

Diritti Tv: Antitrust rigetta linee guida assegnazione 2018-2021

In merito alle regole di gara, l'Autorità ha osservato che risultano carenti le indicazioni circa i soggetti che possono partecipare alle procedure di assegnazione

Calcio, diritti Tv: Antitrust rigetta linee guida assegnazione 2018-2021

L'Autorità Garante ha deciso di non approvare le Linee Guida per la vendita centralizzata dei diritti audiovisivi relativi  alle partite di calcio del campionato di calcio di Serie A e delle altre competizioni organizzate dalla Lega Serie A per le stagioni sportive 2018/2019, 2019/2020 e 2020/2021. E' quanto si apprende da una nota dell'Antitrust. Infatti, alla luce della genericità con cui i criteri di formazione dei pacchetti sono presentati nelle linee Guida, l'Autorità non ha ritenuto possibile esprimere alcuna valutazione di conformità dei medesimi alle previsioni del Decreto Legislativo 9 gennaio 2008, n. 9, e alla Legge 10 ottobre 1990, n. 287., si legge ancora. Secondo l'Agcm "dalla lettura delle Linee Guida non risulta possibile verificare che la definizione dei pacchetti, operata successivamente dalla Lega Calcio, sia idonea a garantire ai partecipanti alle procedure competitive esperite dalla Lega Serie A condizioni di equità, trasparenza e non discriminazione, tali da non compromettere la concorrenza nei mercati televisivi e radiofonici, per i quali i diritti audiovisivi della massima serie calcistica italiana si configurano come un elemento primario, se non essenziale. Dall'insufficiente definizione dei criteri di formazione dei pacchetti da porre in vendita, l'Autorità ha fatto discendere ulteriori criticità rispetto ad alcune regole in materia di offerta e di assegnazione in contrasto con quanto previsto dall'articolo 6, comma 1, del Decreto Melandri".  L'Autorità ha, inoltre, rilevato che le Linee Guida predisposte dalla Lega Serie A sono, con riguardo alle regole per la procedura di gara e al rapporto con il soggetto assegnatario, in contrasto con i principi di cui all'articolo 6, comma 1, del Decreto Legislativo 9 gennaio 2008, n. 9. In merito alle regole di gara, l'Autorità ha osservato che risultano carenti le indicazioni circa i soggetti che possono partecipare alle procedure di assegnazione, con la possibilità che tale incertezza si risolva in ingiustificate discriminazioni. L'Autorità ha, altresì, ritenuto che i costi di accesso al segnale dovrebbero essere orientati all'effettivo costo di realizzazione, in modo da evitarne la moltiplicazione. Tali criticità hanno impedito all'Autorità l'approvazione delle Linee Guida per le stagioni 2018/2019, 2019/2020 e 2020/2021, nella misura in cui risultano non conformi ai principi indicati nell'articolo 6 del Decreto Melandri volti a garantire ai partecipanti alle procedure competitive "condizioni di assoluta equità, trasparenza e non discriminazione", conclude il comunicato dell'Antitrust.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter-Barça accordo per Rafinha. Chelsea su Dzeko e Emerson

Il Napoli continua a pensare a Matteo Politano del Sassuolo. Tra gli allenatori Prandelli ha chiuso l'esperienza negli Emirati Arabi

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"