Giovedì 15 Giugno 2017 - 22:00

Calabresi: Confermo incontro Salvini-Casaleggio e non mi dimetto

Lega e pentastellati smentiscono, ma il direttore di Repubblica non ci sta: "Se siete convinti che abbiamo detto il falso, portateci in tribunale"

Calabresi sfida M5S: Incontro con Salvini c'è stato, querelino pure

"Chiedere le mie dimissioni mi pare una cosa ridicola. Noi questa notizia la confermiamo perchè abbiamo fatto tutte le verifiche prima di pubblicarla. Avevamo e abbiamo due ottime fonti e quindi la confermiamo". Così il direttore del quotidiano 'La Repubblica', Mario Calabresi, confermando la notizia, pubblicata in esclusiva, dell'incontro tra Matteo Salvini e Davide Casaleggio. "L'incontro "c'è stato, lo ha chiesto il leader della Lega e Casaleggio glielo ha accordato, è stato precedente al momento in cui la legge elettorale è fallita" precisa. "Lo abbiamo raccontato oggi e le reazioni sono state durissime come prevedevamo soprattuto dal Movimento 5 stelle - aggiunge Calabresi - Questa non è fake news ma giornalismo, fatto secondo le regole, e le regole prevedono che vengano coperte le fonti. Non intendo dimettermi perché abbiamo fatto bene il nostro mestiere".
 

Confermando quanto scritto dal suo giornale sull'incontro segreto tra i pentastellati e il leghista Matteo Salvini, il direttore aveva invitato il Movimento a porgere querela e denunciarlo per aver scritto il falso. "L'incontro c'è stato - sottolinea Calabresi - noi, prima di scrivere, abbiamo controllato bene". Intervistato da RaiNews24, Calabresi dice che si aspettava la reazione del Movimento 5 Stelle. "Ciò che mi stupisce, però, è che dicano 'O tiro fuori le fonti, oppure mi devo dimettere'. E' uno strano modo di interpretare le cose: dal Watergate in poi le fonti vanno ritenute riservate, sennò te le bruci". Il direttore di Repubblica ricorda inoltre che, all'uscita del libro 'Poteri forti (o quasi)' di Ferruccio De Bortoli, "non venne chiesto di rendere note le fonti" secondo cui Maria Elena Boschi aveva chiesto a Unicredit di salvare Banca Etruria. Il M5S, in quel caso, sfidò invece Boschi di porgere querela se era stato scritto il falso. "Gli restituisco il loro ragionamento - dichiara oggi Calabresi - se tu sei convinto che abbiamo detto il falso, ci porti in tribunale e, di fronte al tribunale, tireremo fuori le nostre fonti".

A rispondere al giornalista ci pensa il capogruppo del M5S Roberto Fico. "Caro direttore Calabresi, se un quotidiano nazionale importante come la Repubblica, con la storia che ha, dà in prima pagina la notizia di un incontro tra Matteo Salvini e Davide Casaleggio, o ha le prove certe, verificabili e dimostrabili anche senza rivelare la fonte, oppure sta infangando la storia del giornale e tutto il giornalismo italiano", scrive su Facebook.

 

"Sull'edizione online di Repubblica si fa riferimento a due autorevoli voci della Lega Nord che confermerebbero l'incontro. Incontro che è però già stato smentito sia direttamente dallo stesso Casaleggio, sia dallo stesso partito di Salvini. Quindi quella delle due fonti della Lega, che prova è? Sicuro di aver svolto le dovute verifiche con tutta l'attenzione necessaria? Si è posto il problema che qualcuno la stia usando? Come fa a definirle 'fonti certe' quando questi sono portatori di precisi interessi politici? Queste sono tutte domande a cui le deve dare risposte chiare", rincara. "Quanto accaduto non sarebbe di esempio per tutti quei giovani che con passione e sincerità vogliono avvicinarsi al mestiere del giornalismo. Quindi, o lei tira fuori queste prove, oppure dopo questa figura da quattro soldi si dimette perché ha creato un danno all'informazione di questo Paese", conclude il Cinquestelle.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale

Matteo Salvini annuncia l'ingresso di Giulia Bongiorno nella Lega

Bongiorno capolista, è scontro nella Lega. Maroni: "Io e Bossi combattevamo Andreotti"

Polemiche sull'ex avvocatessa del democristiano e new entry nel partito. Salvini replica: "Orgoglioso della mia scelta"