Mercoledì 09 Dicembre 2015 - 21:00

Cagliari torna al successo con il Lanciano 3-1

I sardi ipotecano il successo nel primo tempo grazie al gol al 13' di Tello alla prima vera occasione della partita

Virtus Lanciano - Cagliari

 Il Cagliari torna al successo dopo due gare battendo 3-1 in trasferta la Virtus Lanciano e confermandosi la seconda forza del campionato di Serie B, dietro alla capolista Crotone, avanti di un punto. I sardi ipotecano il successo nel primo tempo grazie al gol al 13' di Tello alla prima vera occasione della partita: il colombiano con una stupenda rovesciata su un cross dalla destra porta avanti gli ospiti. Al 34' poi Salamon sugli sviluppi di un calcio di punizione di testa realizza il raddoppio. Nella ripresa gli abruzzesi al 16' riaprono la partita con una pregevole conclusione di Piccolo, potente quanto precisa, che trafigge Storari. L'illusione della Virtus dura però pochi minuti, dato che al 21' Cerri da due passi realizza il 3-1 dopo un'azione straripante di Farias sulla fascia sinistra. Il Cagliari vince e inguaia il Lanciano, che resta al penultimo posto in classifica.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme