Lunedì 17 Luglio 2017 - 19:30

Caso Caccia, Schirripa all'ergastolo dopo 34 anni

Il panettiere di Gioiosa Jonica, da anni residente a Torrazza Piemonte, era stato arrestato nel dicembre del 2015

Caccia, Schirripa condannato all'ergastolo a 34 anni dal delitto

E' stato condannato all'ergastolo Rocco Schirripa, detto 'Barca', il panettiere di Gioiosa Jonica da anni residente a Torrazza Piemonte, arrestato nel dicembre del 2015 con l'accusa di aver fatto parte del commando che 34 anni fa freddò il procuratore di Torino Bruno Caccia sotto casa sua. Lo ha deciso la Corte d'Assise di Milano al termine del processo, che è dovuto ripartire da zero per un vizio procedurale nell'iscrizione di Schirripa nel registro degli indagati. "I giudici hanno dato l'ergastolo, senza pietà. Ci riserviamo di leggere le motivazioni della sentenza, che saranno disponibili tra 90 giorni, e siamo certi che ci saranno dei buchi nella ricostruzione dei fatti, che ci permetteranno di impugnare il verdetto", ha detto l'avvocato Basilio Foti, che con il collega Mauro Anetrini difende Schirripa.

"Che Schirripa sappia molte cose - ha aggiunto il legale - è vero, ma che abbia sparato o partecipato all'agguato non è provato. Questa sentenza salva tante situazioni - ha aggiunto il legale - acquieta la Procura e mette tranquilla la famiglia Caccia", che inizialmente, tramite l'avvocato Fabio Repici, aveva fornito un'altra pista per il delitto. "Inizialmente la famiglia Caccia puntava sulla pista siciliana, legata al riciclaggio di denaro della mafia tramite il casinò di Saint Vincent, pista con la quale Schirripa non c'entrava nulla - ha spiegato il legale - poi però si sono accodati alla Procura e hanno fatto rientrare anche il nostro assistito nella loro ricostruzione".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, M5S contro Lele Mora: "No ai vip del favoreggiamento alla festa di via"

L'ex agente delle star, condannato per vari reati, designato come ospite all'iniziativa in programma nel quartiere Borgo Vittoria

Panico tra la folla che assisteva alla finale di Champions Legaue tra Juve e Real Madrid in Piazza San Carlo

Torino, Appendino e questore Sanna indagati per piazza San Carlo

Ai reati già contestati, cioè lesioni e omicidio colposo, si aggiungerebbe anche l'aggravante di avere agito in concorso tra più persone. La sindaca: "Massima collaborazione"

Panico tra la folla che assisteva alla finale di Champions Legaue tra Juve e Real Madrid in Piazza San Carlo

Piazza San Carlo, in arrivo una ventina di avvisi di garanzia

Le accuse per la tragedia sfiorata a Torino durante la finale di Champions: oltre a omicidio colposo e lesioni si aggiunge il "concorso"