Domenica 22 Gennaio 2017 - 12:00

Bus in fiamme su A4, 16 morti: polizia ungherese apre indagini

Si stanno concentrando sulla verifica delle condizioni tecniche del bus al momento della partenza

Verona, bus ungherese prende fuoco su A4, i resti del mezzo

La polizia ungherese ha aperto un'indagine sulle cause dell'incidente del bus ungherese che ieri ha preso fuoco dopo essersi schiantato contro un pilone dell'autostrada A4 a Verona e in cui sono morti 16 studenti. Lo rendono noto i media ungheresi citando fonti di polizia. Sul posto intanto sono arrivati questa mattina tre esperti della polizia ungherese che indagano in modo parallelo agli inquirenti italiani.

Le indagini ungheresi, secondo quanto precisato dalla polizia di Budapest, si stanno concentrando sulla verifica delle condizioni tecniche del bus al momento della partenza dall'Ungheria, dato che tra le possibili cause dell'incidente è stato inserito il guasto meccanico.
Gli inquirenti ungheresi hanno sequestrato nella sede del noleggiatore Pizolit Bus srl la documentazione riguardante il mezzo e stanno interrogando testimoni per controllare la salute dell'autista.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"