Giovedì 03 Novembre 2016 - 20:45

Burkina Faso, morto volontario italiano: ancora dubbi sulle cause

Scomparso nei giorni precedenti, lavorava per una Ong che assiste dal punto di vista oftalmico i profughi saharawi

Burkina Faso, morto volontario italiano: ancora dubbi sulle cause

Tonino Tonial, 66enne di Sedegliano, è deceduto in Burkina Faso. Secondo quanto fa sapere l'associazione di volontariato Pentalux, per la quale l'uomo faceva il volontario, Tonial non avrebbe più fatto avere sue notizie da giorni. Era sposato con una donna burkinabè e si trovava nel Paese di origine della compagna per motivi familiari, slegati dall'associazione. "Ancora non sappiamo le circostanze che hanno portato alla morte", specificano dalla Pentalux, che in Burkina e in Algeria si occupa di portare aiuto sanitario riguardante le problematiche ottiche e di sostenere i campi profughi saharawi,

FARNESINA: NO SEGNI VIOLENZA. Non ci sarebbero - secondo i primi accertamenti - segni di violenza sul corpo del volontario. Dalla Farnesina specificano che l'ambasciata d'Italia ad Abidjan in Costa d'Avorio, competente per il territorio e il Consolato onorario in Burkina si sono immediatamente attivati e sono in contatto con la famiglia dell'uomo.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

Striscia di Gaza, tensioni e scontri tra palestinesi ed esercito israeliano

Tregua tra Hamas e Israele dopo l'ultimo scontro a fuoco nella Striscia di Gaza

Raggiunto un accordo dopo l'uccisione di un soldato dello Stato ebraico e quattro palestinesi