Sabato 18 Marzo 2017 - 19:15

Napoli, tredicenne aggredito da bulli: genitori postano foto choc

Sindaco Mugnano: "Esprimo solidarietà, ho già richiesto più controlli"

Bullismo, tredicenne aggredito dai bulli nel Napoletano: genitori postano foto choc

Un ragazzino picchiato da tre bulli, il padre denuncia l'accaduto ai carabinieri e poi pubblica la foto del figlio con il volto tumefatto su Facebook.  

"Quello che è successo ieri al piccolo Fabio, schernito e malmenato da un gruppo di coetanei, è gravissimo e deve farci riflettere tutti". Così su fb il sindaco di Mugnano (comune in provincia di Napoli), Luigi Sarnataro, commentando l'episodio di bullismo del quale è stato vittima un ragazzo e che è stato reso noto dal padre, che ha postato su Facebook la foto del volto tumefatto del figlio con l'appello a condividere il post.

Al ragazzo "e alla sua famiglia va tutta la mia solidarietà e vicinanza. Già nella giornata di ieri ho richiesto ai vigili urbani e ai carabinieri maggiori controlli, specie negli orari di uscita delle scuole, per prevenire altri episodi simili", continua Sarnataro.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"