Sabato 18 Marzo 2017 - 19:15

Napoli, tredicenne aggredito da bulli: genitori postano foto choc

Sindaco Mugnano: "Esprimo solidarietà, ho già richiesto più controlli"

Bullismo, tredicenne aggredito dai bulli nel Napoletano: genitori postano foto choc

Un ragazzino picchiato da tre bulli, il padre denuncia l'accaduto ai carabinieri e poi pubblica la foto del figlio con il volto tumefatto su Facebook.  

"Quello che è successo ieri al piccolo Fabio, schernito e malmenato da un gruppo di coetanei, è gravissimo e deve farci riflettere tutti". Così su fb il sindaco di Mugnano (comune in provincia di Napoli), Luigi Sarnataro, commentando l'episodio di bullismo del quale è stato vittima un ragazzo e che è stato reso noto dal padre, che ha postato su Facebook la foto del volto tumefatto del figlio con l'appello a condividere il post.

Al ragazzo "e alla sua famiglia va tutta la mia solidarietà e vicinanza. Già nella giornata di ieri ho richiesto ai vigili urbani e ai carabinieri maggiori controlli, specie negli orari di uscita delle scuole, per prevenire altri episodi simili", continua Sarnataro.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Bari, uomo si barrica in casa con il fucile: bloccato

A Palo del Colle. Con lui c'era anche la zia, che è riuscita a scappare

Sanremo 2015 - Quarta serata

Padova, laurea in Scienze per Sammy Basso, affetto da invecchiamento precoce

Il ragazzo di 22 anni è il volto di diverse iniziative a favore della ricerca su questa rara malattia, la progeria. In Italia ci sono 5 casi

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Migranti, presi 11 scafisti a Pozzallo, 4 annegati. Austria: "Non da noi"

Tra i fermati, anche il comandante dell'equipaggio. Il cancelliere Sebastian Kurz invia una lettera al premier Conte: "Non li accogliamo"

Estate, al 24% degli italiani capita di perdere i figli durante le vacanze

Luoghi affollati come spiagge, piscine, parchi a tema e centri commerciali diventano luoghi pericolosi