Domenica 11 Giugno 2017 - 09:45

Buffon: Caroselli dopo ko Juve? Sono fiero di non essere così

"E' un peccato aver perso una finale Champions ma la vita va avanti", ha dichiarato il portiere bianconero e della nazionale

Buffon: Caroselli dopo ko della Juve? Fiero di non essere così

"I caroselli dopo Cardiff e le critiche? Le critiche quando perdi 4-1 in una finale le ricevono tutti, non c'è uno più colpevole di altri e fa parte del gioco. I caroselli degli altri non hanno peso, non producono in me alcun tipo di reazione se non una specie di orgoglio di non essere così". Lo ha detto Gigi Buffon in una intervista esclusiva alla Rai a proposito dei caroselli di festa in alcune città dopo la sconfitta della Juventus nella finale di Champions League contro il Real Madrid. "Non c'è nessun demone dopo Cardiff. Abbiamo perso meritatamente una partita - ha aggiunto il capitano e portiere della Nazionale tornando sull'infausta serata gallese - e quello è un peccato. Ma come dico sempre: quando lotti per i traguardi più prestigiosi incontri le squadre più importanti, le difficoltà sono sempre maggiori e ci sta che si perda".

"E' un peccato aver perso una finale - ha quindi ammesso - ma la vita va avanti. Ci sono altre sfide da affrontare e quella conto il Liechteinstein è una gara sulla carta facile ma che starà a noi farla diventare tale. Sono tre punti che ci permetteranno di andare in Spagna a giocarci una gara di grande valore". Buffon ha parlato anche delle voci sui possibili suoi eredi alla Juve e in Nazionale. "Ho detto che probabilmente sarà l'ultimo anno e visto che si potrebbe chiudere un discorso lungo di carriera sono molto concentrato sul fatto che lo voglio finire a modo mio. Non mi fa male che si parli - ha detto - perché a 40 anni sarebbe folle non pensare a un dopo Buffon. Lo trovo normalissimo e giusto, perché la Nazionale e la Juve sono molto più importanti del singolo giocatore. Ed è giusto che si guardi al futuro e anche un po' al presente". Per quanto riguarda il suo futuro, Buffon ha concluso: "In futuro non ho ancora pensato precisamente a cosa fare. Mi auguro di restare nel mondo del calcio, sicuramente non vorrò fare l'allenatore a tempo pieno. Anche perché avrò bisogno un attimo per disintossicarmi dopo 24 anni ad un certo livello, credo sia umano".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cristiano Ronaldo ad un evento promozionale a Pechino

Ronaldo fuoriclasse generoso, mancia record in Grecia: 20mila euro ai camierieri del resort

È quanto rivela il Sun. Il campione è rimasto talmente impressionato dal servizio ricevuto che non poteva andarsene senza un ringraziamento speciale

Cristiano Ronaldo esce per salutare

Juve, il giro del mondo di Ronaldo non passerà dagli Stati Uniti

Non andrà in America con la squadra ma dal 30 luglio sarà a disposizione. Ora è già partito per un tour promozionale della Nike in Cina

Ronaldo con la famiglia allo stadio: subito maglia della Juve per Cristiano Jr.

I primi scatti della nuova vita bianconera postati su Twitter

Juventus - Crotone

Fabio Paratici, l'uomo che ha portato CR7 alla Juventus: "Idea folle nata dopo rovesciata allo Stadium"

Un colpo straordinario quello del dirigente, che la Juve ha 'blindato' con un rinnovo triennale per 'sottrarlo' alla tentazione delle tante offerte ricevute da mezza Serie A