Giovedì 06 Luglio 2017 - 10:45

Belgio, sospetti terroristi in fuga: si teme attacco come 22 marzo

Perquisizioni e fermi ad Anderlecht. Procura: "Abbiamo paura che i ricercati si sentano in trappola e passino all'azione"

Bruxelles, sospetti terroristi in fuga: si teme attacco come quello del 22 marzo

Caccia ad alcuni sospetti dopo le perquisizioni condotte ieri nel quartiere di Anderlecht, a Bruxelles, che hanno portato a quattro fermi legati al terrorismo islamico. Secondo quanto riportano i media, le autorità del Belgio temono un attacco imminente, come era accaduto il 22 marzo del 2016 negli attentati che hanno colpito l'aeroporto di Zaventem e la stazione della metropolitana di Maalbeek a Bruxelles, pochi giorni dopo l'arresto di Salah Abdeslam. "Temiamo che le persone ricercate si sentano in trappola e decidano di passare all'azione", ha spiegato il portavoce della procura federale, Eric Van der Sijpt.

Fonti della procura precisano che, "nonostante non si possa escludere uno scenario simile a quello del 22 marzo del 2016", gli inquirenti non hanno ora "nessun elemento che avvalori questa ipotesi".  

Due delle quattro persone arrestate ad Anderlecht continuano ad essere in stato di fermo con l'accusa di aver partecipato ad attitività terroristiche: si tratta dei fratelli Akim e Khalid Saouti, di 40 e 37 anni. Una delle perquisizioni è avvenuta in un garage in cui sono stati trovati tre kalashnikov, una quindicina di caricatori, pistole, munizioni, uniformi dell'agenzia di sicurezza, e quattro detonatori. Nella stessa operazione è stata arrestata anche una persona a Wattignies, nel nord della Francia.

Akim e Khalid Saouti sono fratelli di Saïd Saouti, fondatore del gruppo di motociclisti musulmani noto come Kamikaze Riders legato a varie condanne per terrorismo e con il gruppo islamico Sharia4Belgium (gruppo nato nel 2003 che ha alcune decina di membri, secondo la stampa locale).

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia: Andremo al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza

Usa 2016, Donald Trump in campagna elettorale

Hope Hicks, nuova direttrice della comunicazione per Trump

Già nel 2016 era stata la portavoce della campagna elettorale di Donald Trump

AUT, Österreich bereitet Grenzkontrollen zu Italien vor

Migranti, Austria invierà 70 soldati al Brennero

I militari non verranno schierati, né saranno dispiegati carri armati: serviranno ad aiutare nei controlli

Nord Corea, Trump: Da Kim decisione saggia, alternativa era catastrofe

Corea, Trump: Decisione saggia di Kim, alternativa era catastrofe

Kim ha deciso di "osservare per un po'" il comportamento Usa prima di intraprendere la minacciata offensiva contro Guam