Giovedì 24 Marzo 2016 - 09:15

Bruxelles, Berlusconi: Siamo in guerra, serve intervento militare

"Politica estera Renzi? Non tocca palla, nessuna influenza"

Silvio Berlusconi

"Siamo in guerra, ci difendiamo con una decisione doverosa che i leader occidentali non sono riusciti a prendere e cioè costituire una coalizione sotto l'egida dell'Onu che metta insieme Usa, Europa, Russia e Arabia Saudita che possa con un intervento militare estirpare l'Isis alla base. Dall'Iraq partono le direttive affinché succeda tutto quello che è successo". Così il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi, intervenuto a Tele Radio Stereo.

"Chiudere le frontiere? Sono già con noi le persone che operano, non c'è chiusura di frontiera che possa tenere, quella serve per contenere l'immigrazione di massa, si è perso il senso di un'Europa che abbia la solidarietà tra i suoi principi, si devono fermare all'origine quelle guerre che fanno sì che molte famiglie lascino le case per trovare scampo alla guerra", ha aggiunto l'ex premier.

Berlusconi ha poi aggiunto: "Un commento sulla politica estera di Renzi? Non tocca palla, non ha alcuna influenza sulle decisioni comuni, non è considerato perché sanno che non è stato scelto dal popolo. Non incide su nulla". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-ACCIDENT-BRIDGE-COLLAPSE

Genova, l'Independent attacca il governo: "Stolte accuse all'Ue"

Editoriale durissimo: "La gang di populisti ha cercato di sfruttare il tragico crollo del ponte a fini politici". La commissione: "Sicurezza spetta a concessionario"

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, Burlando: "Alla città servono nuove opere, non si torni indietro"

L'analisi dell'ex ministro dei Trasporti nel governo Prodi e presidente della Regione Liguria dal 2005 al 2015

Genova, crollo Ponte Morandi: continuano le ricerche dei dispersi e la messa in sicurezza

Genova, revoca della concessione ad Autostrade. Salvini: "Prima i soldi, poi parliamo". Di Maio: "No, acceleriamo"

Scontro tra i due vicepremier, mentre i mercati puniscono la società controllante di Autostrade