Mercoledì 21 Giugno 2017 - 21:45

Bruxelles, attentatore aveva valigia-bomba con chiodi: evitata strage

L'uomo, 36enne di nazionalità marocchina, è stato colpito a morte da un militare

Bruxelles, allarme terrorismo alla stazione centrale - Foto postata su Twitter da Rémy Bonnaffé‏

Una valigia-bomba imbottita di chiodi e bombolette di gas che avrebbe potuto provocare danni ingenti e uccidere molte persone. È l'arma con cui un 36enne di nazionalità marocchina aveva progettato di compiere una strage alla Stazione Centrale di Bruxelles. Solo per un caso fortunato il peggio è stato evitato: l'ordigno è esploso in modo parziale senza provocare feriti. L'assalitore è stato poi colpito a morte da un militare. La procura antiterrorismo belga, all'indomani dell'attacco, ha spiegato che l'uomo, proveniente dal sobborgo di Molenbeek, era noto alla giustizia per reati minori, ma non era considerato un elemento pericoloso o in contatto con gruppi radicalizzati. Secondo l'emittente Vrt il suo nome sarebbe Oussama Zariouh, nato il 12 gennaio 1981, divorziato e con precedenti per droga.

"È entrato alla stazione alle 20.39 di martedì sera con una valigia esplosiva" ha spiegato il procuratore federale belga, Eric Van Der Sypt. Non aveva armi e non indossava un cinturone esplosivo. "Dopo essersi appartato per qualche minuto, ha attraversato la sala della biglietteria, poi ha cercato di avvicinarsi a un gruppo di persone. Alle 20.44 ha fatto esplodere la valigia, che ha preso fuoco ma non ha ferito nessuno", ha proseguito il procuratore. L'ordigno è esploso una seconda volta poco dopo, in modo più violento, mentre l'aggressore correva verso i binari in cerca di altre potenziali vittime. Tornato nell'atrio della stazione, ha quindi attaccato un militare gridando 'Allah Akbar'. Il soldato, impegnato in un normale servizio di pattuglia, ha sparato più volte. L'uomo è morto poco dopo per le ferite. L'intervento degli artificieri ha accertato l'assenza di esplosivo sul corpo del terrorista.

Materiale per fabbricare ordigni è stato trovato nel corso della perquisizione dell'abitazione del 36enne, che viveva a Molenbeek. Nella stessa area ad alta densità di stranieri in cui si era rifugiata la cellula terroristica responsabile degli attacchi a Parigi nel novembre 2015. Secondo quanto riportato dalla Cnn, che cita una fonte dell'antiterrorismo belga, gli investigatori hanno accertato che l'uomo ucciso alla stazione era un 'simpatizzante' dell'Isis, probabilmente un 'lupo solitario', isolato e inesperto.

La stazione è stata riaperta nella mattinata di mercoledì e il traffico ferroviario è ripreso regolarmente dopo il fermo alle linee dei treni e delle metropolitane. "Abbiamo sventato un attacco che avrebbe potuto essere molto peggiore", ha detto il premier belga Charles Michel. "Non ci lasceremo intimidire. Continueremo a vivere le nostre vite normalmente", ha aggiunto. L'attentato sventato a Bruxelles "ci dimostra che non bisogna abbassare la guardia, ma ci dimostra anche che Daesh, dopo la sconfitta militare che sta subendo, reagirà con delle schegge impazzite, colpendo non soltanto l'Europa ma anche fuori", ha affermato il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. "Ma bisogna anche dire che il sistema di reattività delle forze dell'ordine in Francia e in Belgio è cresciuto", ha rilevato.
 

Scritto da 
  • Simone Gorla
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Accordo in vista per garantire i diritti di circa 3 milioni di stranieri che vivono nel Paese: "Vogliamo che rimangano"

Trump parla all'Heritage Foundation President's Club a Washington

Le condoglianze di Trump alla famiglia del soldato ucciso: "Sapeva quel che faceva"

La frase rivelata da una deputata e smentita dal tycoon, è stata invece confermata dalla mamma del giovane morto in Niger

Barcellona, migliaia in piazza per liberazione leader indipendentisti

Catalogna affronta ultimatum. Rajoy: "Puigdemont mostri buonsenso"

Il leader catalano pronto a dichiarare l'indipendenza se Madrid farà ricorso all'articolo 155. La scadenza è alle 10 di giovedì 19

Marocco, re Mohammed VI: "Verso nuovo modello di sviluppo"

il Paese è pronto ad affrontare la sfida per adeguarsi alle esigenze attuali