Lunedì 23 Gennaio 2017 - 10:00

Bruce Springsteen: Contro Trump iniziata una nuova resistenza

Il Boss si era schierato in campagna elettorale a favore di Hillary Clinton

Bruce Springsteen: Contro Trump iniziata una nuova resistenza

Bruce Springsteen, che alle elezioni presidenziali americane ha appoggiato la democratica (e sconfitta) Hillary Clinton, annuncia che la sua band si unisce alla "nuova resistenza" contro il presidente Donald Trump. "Il nostro cuore e il nostro spirito sono con i milioni di persone che hanno marciato e la E Street Band è parte della nuova resistenza", ha detto il musicista ai giornalisti a Perth, all'inizio del tour australiano. L'insediamento di Trump è avvenuto venerdì e la sua promessa di mettere fine alla "carneficina americana" è stata seguita da un fine settimana di proteste di massa in tutto il Paese e nel mondo. Il Boss, parlando prima del concerto alla Perth Arena, ha descritto il nuovo presidente come "un demagogo", aggiungendo però di sperare che il programma di Trump abbia successo nel creare occupazione dove la mancanza di lavoro si sente più gravemente.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tunisia.Rifugiati libici

Libia, 100 migranti chiusi in un tir: sei bimbi e due adulti morti soffocati

Le vittime, secondo quanto riportano le autorità libiche, sono morte a causa dei fumi della benzina

Thailandia, Musk attacca sub: "Pedofilo". Lui pronto a fare causa

Le accuse dell'ad di Tesla dopo che il sommozzatore ha bocciato la sua offerta di fornire un sottomarino in miniatura per estrarre i calciatori

SUMMIT G8 - IL PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI  BILL CLINTON STRINGE LA MANO A VLADIMIR PUTIN

Un leader russo, quattro presidenti Usa: Putin e i rapporti con Washington

Relazioni altalenanti nel bene e nel male, ma mai rapporti duraturi. Ecco i precedenti e la situazione attuale con Trump

Summit a Helsinki, Putin: "No interferenze in elezioni Usa". Trump: "Russiagate è una farsa"

Storico vertice nel palazzo presidenziale. Dal Russiagate alla Siria: tanti i nodi da sciogliere