Lunedì 08 Febbraio 2016 - 10:30

Brindisi, Consales rassegna dimissioni da sindaco

L'ex primo cittadino è accusato di corruzione per una presunta tangente da 30mila euro nel settore dei rifiuti

Mimmo Consales

Ha rassegnato le dimissioni dalla carica di sindaco di Brindisi questa mattina Mimmo Consales, accusato di corruzione per aver intascato una presunta tangente da 30mila euro nel settore dei rifiuti.

Consales era stato arrestato sabato scorso dalla polizia, insieme ad un commercialista e un imprenditore, con l'accusa, in concorso, di abuso d'ufficio, corruzione, concussione e truffa nell'ambito di un'indagine sulla gestione dei rifiuti. Per il primo cittadino e il commercialista erano scattati i domiciliari, l'imprenditore invece era stato portato in cacere. 

Consales era stato eletto nel 2012 nelle liste del Pd, ma si era autosospeso dal partito non appena sono iniziate le sue disavventure giudiziarie nel 2013.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo ponte Genova, Di Maio e Toninelli in visita al luogo del disastro

Genova, scontro sulla concessione. Atlantia a picco: "Ci spetta valore residuo". Di Maio: "Non pagheremo penali"

I mercati puniscono la società controllante di Autostrade dopo l'annuncio del governo sulla possibile revoca: il titolo non fa prezzo in avvio

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Paita: "Conseguenze catastrofiche, il governo ascolti la città"

Intervista alla deputata dem, ex candidata alla presidenza della Liguria: "Un anno fa feci un'interrogazione proprio sulla sicurezza di quel ponte, mi dissero che andava tutto bene"

Milano, Salvini al Gazebo della Lega per votare  il contratto di governo con M5s

Genova, la promessa di Salvini: "Nella prossima manovra soldi per messa in sicurezza del Paese"

Il ministro dell'Interno assicura: "Faremo una radiografia dell'Italia che soffre, bisogna intervenire prima"

Genova, Conte: "Revoca concessione ad Autostrade". Atlantia a picco, non fa prezzo in avvio

Anche Toninelli e Di Maio contro la società: "Vertici si dimettano, multe da 150 milioni". La replica: "Monitoraggio ogni 3 mesi. Dimostreremo adempimenti"